Back to the index page  
  FAQ   Cerca   Lista degli utenti   Gruppi utenti   Calendario   Registrati   Pannello Utente   Messaggi Privati   Login 
  »Portale  »Blog  »Album  »Guestbook  »FlashChat  »Statistiche  »Links
 »Downloads  »Commenti karma  »TopList  »Topics recenti  »Vota Forum

La betulla che rischiava di cadere (da un racconto tartaro
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno


 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Penne da favola
  PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
 
 MessaggioInviato: Mer Giu 11, 13:26:02  La betulla che rischiava di cadere (da un racconto tartaro
Descrizione:
Rispondi citando
Messaggio
  nuvolotta

Site Admin


Admin

Sesso: Sesso:Femmina
Età: 58
Registrato: 01/12/05 18:04
Messaggi: 37845
nuvolotta is offline 




Sito web: http://www.nuvolotta.a...


NULL

La betulla che rischiava di cadere (da un racconto tartaro)


C'era una volta un vagabondo che veniva accolto benevolmente in tutti i villaggi, poiche' era astuto e allegro e raccontava storie originali. Un giorno, mentre sostava in un piccolo villaggio di contadini, gli venne spiegato che le case, le praterie, i campi, le mucche, i cavalli e persino la gente appartenevano a un ricco proprietario. Questo signore si considerava un uomo molto intelligente e guardava con altezzosita' i contadini che riteneva degli imbecilli. Quelli, non volendo avere fastidi, lo lasciavano fare. Ma il vagabondo si divertiva con quelle persone e decise di mettere in ridicolo il signore borioso. Rimase al villaggio e comincio' a lavorare come pastore. Ogni mattina, conduceva il gregge al pascolo; il terzo giorno, vide da lontano avvicinarsi il signore. Ando' subito ad appoggiarsi al tronco di una vecchia betulla contorta che cresceva li' vicino. Si inarco' tendendo le gambe e ansimando, come per uno sforzo violento. Quando gli fu accanto, il signore lo apostrofo': "Ehi, pastore! Non sai che bisogna salutare il proprio signore?" "Vi auguro buona giornata" rispose il pastore affaticato, senza spostarsi. "Ah, tu sei il nuovo pastore! - continuo' il signore - Al villaggio si racconta che sei molto scaltro! Vorrei vedere se e' vero." "Sono solo dicerie - rispose il pastore - Sono semplicemente un povero vagabondo senza istruzione." "Certo non hai un'aria molto furba! - riprese il signore ridendo - Scommetto che non riusciresti mai ad ingannarmi. Ascolta: se riesci a raggirarmi avrai uno scudo d'oro, altrimenti un sacco di bastonate. "Come potrei osare di competere con voi, nobile signore? - rispose il pastore - E poi mi e' proprio impossibile al momento: ho lasciato tutta la mia astuzia nella mia borsa, che ho poggiato sotto la mangiatoia, nella stalla". "Cosi' avresti lasciato la tua intelligenza dalle mucche! - esclamo' il signore - Esigo che accetti questa scommessa! Vai subito a cercare la tua borsa!" "Non posso muovermi - rispose il pastore - Non sono solo incaricato di custodire le pecore, ma devo anche sostenere questa betulla che rischia di cadere." "Mi devi obbedienza!" grido' il signore. "Oh, non oserei mai disubbidirvi! Ma ho anche un dovere verso gli abitanti del villaggio che mi hanno assunto. Del resto, anche questa betulla vi appartiene: cosa direste se la lasciassi cadere? Non posso allontanarmi, a meno che voi la sosteniate al mio posto fino al mio ritorno!" "Va bene! - disse il signore - prendero' il tuo posto, ma sbrigati a tornare!" Con molte precauzioni, il pastore lascio' il suo posto al signore. "Attenzione! - raccomando' - Dovete sostenerla con tutte le vostre forze, altrimenti cadra'! Ritornero' il prima possibile." Prima di partire, esito' un momento e aggiunse: "Il sindaco del villaggio si arrabbiera' se abbandono il gregge. Signore, abbiate la bonta' di darmi il vostro cappello: sara' la prova che eseguo i vostri ordini." Il signore gli diede il cappello e i pastore se ne ando'. Passo' molto tempo: il signore cominciava a sentire le gambe che gli tremavano per lo sforzo e il sudore che gli rigava il volto. Dopo un bel po', vide arrivare un gruppo di persone, ma il pastore non c'era. Il signore interpello' il sindaco: "Imbecille! Perche' sei venuto qui? Non hai pensato che avessi inviato io il pastore? A proposito, dove e' scomparso? Non ne posso piu'!" Il sindaco rispose con molta gentilezza: "Signore, il pastore e' partito; vi manda il vostro cappello. Mi ha chiesto uno scudo d'oro, dicendomi che mi avreste rimborsato. Ha detto che gli avreste dovuto dare uno scudo d'oro se avesse vinto la scommessa." "Ma deve vincere prima - grido' il signore - non abbiamo ancora cominciato! Adesso, uno di voi dovra' prendere il mio posto per sostenere questa dannata betulla e in fretta!" "Ma potete tranquillamente lasciare la betulla" disse il sindaco. Allora il signore comprese di essere stato raggirato; senza dire una parola prese il suo cappello e si allontano' furente di rabbia. Alle sue spalle, risuonarono un mucchio di risate e il sindaco disse: "Non ridete cosi' forte, o farete cadere la betulla!"
Profilo Messaggio privato HomePage
 
 MessaggioInviato: Mer Giu 11, 13:26:02 Adv
Messaggio
  Adv









 
 MessaggioInviato: Mer Giu 11, 16:59:34  
Descrizione:
Rispondi citando
Messaggio
  piumola

Ospite
















Come dire: ha la meglio sempre chi è più furbo!
Ma la cultura dell'arrangiarsi, dei furbi, dei disonesti non mi attrae
più di tanto...forse perchè l'intelligenza viaggia su binari diversi di quelli della furbizia e delle nozioni introiettare solo per farne bella mostra all'occorrenza.
Però al tiranno gli sta bene di essere stato fregato da un servo!!!
Se i tiranni facessero tutti lquesta fine ci sarebbe da ridere.....
Dario Fo', che proprio uno sprovveduto non è, ha scritto delle cose di un'ironia straordinaria proprio contro colui che gestisce il potere con tirannia.....ed i guitti i saltimbanchi che prendevano in giro per esempio il potere immenso della chiesa nella persona di Papa Bonifacio ottavo finivano con la lingua inchiodata alla porta della chiesa......
Sarebbero restati muti per sempre....e non avrebbero di certo mai più scalfito il suo immenso potere di vita e di morte sulla massa informe.......
Così chi dietro il potere tiranno si accoda con stupido servilismo guarda quei poveretti inchiodati alla porta della chiesa....e capisce che no, proprio non è giusto quello che gli è stato fatto!
Una punizione esagerata per le loro frasi di guitti e saltimbanchi, ma tacciono e pensano vigliaccamente tra se che infondo quelle cattive lingue se lo sono cercato: mai contrariare il potere! Non sta bene....è pericoloso.... Embarassed
E si guardano bene bene di farlo loro stessi....perchè, infondo il potere, poichè, dove non guarda in faccia nessuno....e nemmeno le relative lingue, e senza farsi alcuno scrupolo, quando colui che è servo non serve più viene eliminato......sottoposto alla pubblica gogna ed inchiodato ad un legno....
La storia insegna....eppure non tutti la conosco bene....e le nozioni se non vengono rispolverate di tanto in tanto si perdono nei meandri della nostra memoria.
Baci
L.
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum » Penne da favola

Pagina 1 di 1
Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora

Mostra prima i messaggi di:

  

Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Puoi segnalare post ai moderatori in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum


Agire


Amici...di... topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2009
Macinscott 2 by Scott Stubblefield