Back to the index page  
  FAQ   Cerca   Lista degli utenti   Gruppi utenti   Calendario   Registrati   Pannello Utente   Messaggi Privati   Login 
  »Portale  »Blog  »Album  »Guestbook  »FlashChat  »Statistiche  »Links
 »Downloads  »Commenti karma  »TopList  »Topics recenti  »Vota Forum

Val d'Orcia Alla scoperta di un patrimonio dell'umanità
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno


 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Il giramondo -> Turismo, Arte e tradizioni
  PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
 
 MessaggioInviato: Mer Mar 10, 15:41:09  Val d'Orcia Alla scoperta di un patrimonio dell'umanità
Descrizione:
Rispondi citando
Messaggio
  nuvolotta

Site Admin


Admin

Sesso: Sesso:Femmina
Età: 58
Registrato: 01/12/05 18:04
Messaggi: 37821
nuvolotta is offline 




Sito web: http://www.nuvolotta.a...


NULL

Val d'Orcia
Alla scoperta di un patrimonio dell'umanità

E' talmente bella che nel 2004 l’UNESCO l’ha dichiarata Patrimonio Mondiale dell’Umanità per essere "un eccezionale esempio di come il paesaggio naturale sia stato ridisegnato nel periodo rinascimentale per rispecchiare gli ideali di buon governo e per creare un’immagine esteticamente gradevole". È la Val d’Orcia, un piccolo paradiso naturale nel cuore della Terra di Siena, fatto di colline e calanchi, una paio di oasi termali, vigneti, oliveti e tanti cipressi, isolati sulle alture o in ordinati filari lungo le strade. Il fiume che le ha dato il nome nasce sui colli tra Radicofani e Sarteano, scorre in un’ampia conca coltivata, sfiora i principali centri abitati, evita l’Amiata - il più alto vulcano spento d’Italia - gettandosi in una profonda forra, per poi proseguire tra le colline dell’alta Maremma, fino a gettarsi nell’Ombrone.
Castiglione d’Orcia, Montalcino, Pienza, Radicofani e San Quirico, con i loro edifici di epoca medievale e rinascimentale, sono i cinque gioielli urbanistici della valle. Montalcino non ha bisogno di presentazioni.
Dai suoi vigneti nasce uno dei più pregiati vini rossi prodotti nel mondo, mentre nel centro storico, dominato dalla Rocca costruita nel 1361 dai senesi, si ammirano la torre del trecentesco Palazzo Comunale, Piazza del Popolo, la Loggia gotica, oltre alle chiese di Sant’Agostino e Sant’Egidio. La vicina abbazia di Sant’Antimo è uno dei capolavori del romanico in Italia.
Il confine settentrionale della valle è presidiato da San Quirico d’Orcia, una piacevole città medievale chiusa da una cinta di mura. Percorrendo la lunga via lastricata che la attraversa si incontrano la Collegiata dei Santi Quirico e Giulitta, con i suoi magnifici portali romanico-gotici, il rinato Palazzo Chigi, la chiesa di San Francesco, l’antico Ospedale della Scala e la suggestiva chiesetta romanica dedicata a Santa Maria Assunta. Gli Horti Leonini, realizzati intorno al 1580, sono un superbo esempio di giardino all’italiana, abbellito da sculture contemporanee e da un profumato Giardino delle Rose. Pienza, città-simbolo del Rinascimento italiano, accoglie il visitatore con la luminosa Cattedrale dell’Assunta, il Palazzo Comunale, il Palazzo Vescovile e l’imponente Palazzo Piccolomini, dalla cui loggia si ammira uno dei più affascinanti panorami sulla Val d’Orcia.
Stesse emozioni anche dalla Torre di Radicofani, con lo sguardo che spazia, oltre che sulla vallata, anche sull’Amiata, fino all’Appennino e ai laghi Trasimeno e di Bolsena. Nei pressi della cittadina del brigante gentiluomo Ghino di Tacco, si visita il Palazzo della Posta: una villa medicea trasformata in dogana e in albergo per viaggiatori illustri. Il nostro viaggio nella Val d’Orcia si conclude a Castiglione, al confine con le foreste del Monte Amiata. La bella piazza principale del borgo, dominata dai resti della Rocca Aldobrandesca e dalla Rocca a Tentennano, ha al suo centro un pozzo in pietra risalente al 1618.


Giuseppe Ortolano
_________________
Una morbida nuvolotta.... di zucchero filato alla fragola e limone
Profilo Messaggio privato HomePage
 
 MessaggioInviato: Mer Mar 10, 15:41:09 Adv
Messaggio
  Adv









 
 MessaggioInviato: Mer Mar 10, 15:41:45  
Descrizione:
Rispondi citando
Messaggio
  nuvolotta

Site Admin


Admin

Sesso: Sesso:Femmina
Età: 58
Registrato: 01/12/05 18:04
Messaggi: 37821
nuvolotta is offline 




Sito web: http://www.nuvolotta.a...


NULL

Val d'Orcia, informazioni utili

Alla fine di aprile le agenzie viaggi del gruppo Nuova Planetario (Planetario Viaggi, Bonolatours, Coop Viaggi:
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
) propongono un suggestivo fine settimana nel senese e in Val d’Orcia. Si parte in pullman il 30 aprile per visitare San Gimignano e Siena e proseguire, il 1° maggio, con un viaggio sul treno storico a vapore che raggiunge Sant’Angelo Cinigiano, frazione di Montalcino. Qui si visitano le cantine dove riposa il Brunello e si assiste alla festa popolare della Maggiolata.
Negli altri giorni dell’anno la Val d’Orcia è raggiungibile utilizzando l’auto privata, il treno o i bus di linea.
• Per informazioni su ospitalità, itinerari e offerte speciali consultare il sito
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
o contattare l’APT di Siena al tel. 0577-280551. Altre notizie sul Parco Artistico Naturale Culturale della Val d’Orcia sono reperibili su
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
Nella bella stagione e in occasione di eventi l’Associazione Ferrovia Val d’Orcia mette in moto alcune automotrici degli anni Cinquanta o delle locomotive a vapore con le carrozze "centoporte" e percorre l’antica linea dismessa che attraversa la Val d’Orcia, fino a Montalcino, riaperta come ferrovia turistica. Per informazioni tel. 0577-207413,
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


Le meraviglie di Bagno Vignoni
Bagno Vignoni, frazione di San Quirico d’Orcia, è nota in tutto il mondo per la sua "piazza d’acqua", la grande vasca di acqua termale proveniente dalle viscere del Monte Amiata, costruita nel medioevo nel cuore del centro abitato e ancora oggi perfettamente conservata. Intorno all’ampia vasca, non più balneabile, si trovano abitazioni, ristoranti, la piccola chiesa di San Giovanni Battista e alcuni alberghi che utilizzano le acque termali per i trattamenti dei loro clienti. L’Hotel Posta Marcucci dispone di una piscina con acqua calda naturale, aperta al pubblico.
 
_________________
Una morbida nuvolotta.... di zucchero filato alla fragola e limone
Profilo Messaggio privato HomePage
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum » Turismo, Arte e tradizioni

Pagina 1 di 1
Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora

Mostra prima i messaggi di:

  

Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Puoi segnalare post ai moderatori in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum


Agire


Amici...di... topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2009
Macinscott 2 by Scott Stubblefield