Back to the index page  
  FAQ   Cerca   Lista degli utenti   Gruppi utenti   Calendario   Registrati   Pannello Utente   Messaggi Privati   Login 
  »Portale  »Blog  »Album  »Guestbook  »FlashChat  »Statistiche  »Links
 »Downloads  »Commenti karma  »TopList  »Topics recenti  »Vota Forum

Internet Timeline: Cronologia della Rete
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno


 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Criticamente
  PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
 
 MessaggioInviato: Ven Ago 03, 02:44:32  Internet Timeline: Cronologia della Rete
Descrizione:
Rispondi citando
Messaggio
  Girodicolori

Ospite
















Internet Timeline: Cronologia della Rete

© 1998-2006 Paolo Attivissimo. Questo documento è liberamente riproducibile e citabile, in tutto o in parte, se rimane intatto e ne vengono indicate fonte (http://www.attivissimo.net) e autore/compilatore (Paolo Attivissimo,
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
). Grazie.
Versione 2006.11.22

Caso mai potesse servirvi, ecco un'accozzaglia eterogenea di cifre, fatterelli e aneddoti su Internet e dintorni che ho raccolto nelle mie peregrinazioni telematiche e che mi spiaceva buttar via. Male non fanno.

Piano piano (lo so, mancano gli eventi recenti) quest'accozzaglia sta diventando la mia versione della storia di Internet, delle telecomunicazioni e dell'informatica in generale. Non ha pretese di autorevolezza o completezza: è soltanto un progetto che proseguo quando ho tempo e a cui aggiungo qualcosa quando trovo notizie interessanti. Raccolgo qui le date e le note che mi possono servire per il mio lavoro: così, quando mi chiedono a bruciapelo in che anno è uscito il primo Windows, ad esempio, mi basta dare una sbirciatina qui. Anche se è un progetto secondario, comunque, faccio tutto quel che posso per verificare le fonti e riassumere gli eventi il più correttamente possibile.

Ci sono molte statistiche che, per quanto autorevoli, sinceramente mi sembrano parecchio campate per aria. Prendetele con le dovute cautele: non rispondo della loro aderenza alla realtà. Io le cito (specificandone la fonte) e basta.

Nota: se vi state chiedendo perché la data dei singoli eventi è in quello strano formato "anno-mese-giorno", è per consentirmi di riordinare automaticamente i paragrafi in ordine cronologico.
Ringraziamenti

Vorrei ringraziare tutti i lettori che hanno sfogliato questo canovaccio e hanno contribuito non poco a renderlo potabile, eliminando errori, doppioni e sviste.
Per saperne di più

C'è un limite alla quantità di informazioni che riesco a raccogliere e soprattutto riordinare, per cui questa cronologia è sicuramente lacunosa. Se volete approfondire l'argomento, presso la Internet Society (http://www.isoc.org/internet-history) trovate altre cronologie di Internet, alcune scritte da coloro che Internet l'hanno fisicamente progettata e realizzata.
Fonti

Molte delle fonti delle informazioni sono indicate nelle note fra parentesi quadre accanto all'informazione in questione. In particolare:

* La nota THN si riferisce al documento The History of the Net di Henry Edward Hardy (seraphim@umcc.umich.edu); la traduzione e la sintesi sono mie (e mi assumo le relative colpe). Gli estremi del documento originale sono: The History of the Net - Master's Thesis - School of Communications, Grand Valley State University, Allendale, MI 49401. Ho usato la versione 8.5 del 28 settembre 1993. Per aggiornamenti, cito il testo originale: Current copies of this work are be available via the umcc.umich.edu gopher 1.13.4 & also by anonymous ftp from umcc.umich.edu /pub/seraphim/doc/nethist8.txt. This document is also available by mailserver by sending any arbitrary email message to:
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
.
* La Hobbes' Internet Timeline è una cronologia delle tappe salienti di Internet dal 1957 a oggi, disponibile in inglese presso
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
e in traduzione italiana a cura di Ivo Aceto presso
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
Di questo documento riporto, come richiesto dall'autore, le note di copyright: Hobbes' Internet Timeline Copyright (c)1993-2002 by Robert H Zakon. Permission is granted for use of this document in whole or in part for non-commercial purposes as long as this Copyright notice and a link to this document, at the archive listed at the end, is included. A copy of the material the Timeline appears in is requested. For commercial uses, please contact the author first. Links to this document are welcome after e-mailing the author with the document URL where the link will appear. As the Timeline is frequently updated, copies to other locations on the Internet are not permitted.

1617

1617-00-00. Il matematico scozzese John Napier inventa i Napier's Bones, un dispositivo di calcolo che usa i principi dei logaritmi.
[Fonte: Manabile di Informatica, 1984]
1621

1621-00-00. Viene commercializzato il primo regolo calcolatore, inventato da William Oughtred.
[Fonte: Manabile di Informatica, 1984]
1642

1642-00-00. Blaise Pascal costruisce la Pascaline, la prima macchina calcolatrice basata su principi digitali: esegue soltanto addizioni di numeri, che vengono immessi mediante manopole. Pascal la inventa per aiutare suo padre, esattore delle tasse.
[Fonte: Enciclopedia Grolier; Manabile di Informatica, 1984]
1694

1694-00-00. Gottfried Wilhelm von Leibniz realizza una macchina di calcolo, da lui inventata nel 1671, in grado di eseguire somme e moltiplicazioni. Leibniz inventa un particolare meccanismo a ingranaggi per immettere le cifre degli addendi che è tuttora in uso. Come la macchina di Pascal, anche la macchina di Leibniz rimane un prototipo.
[Fonte: Enciclopedia Grolier; il Manabile di informatica dice invece che l'anno è il 1673]
1752

1752-07-07. Nasce Joseph Marie Jacquard, inventore nel 1804 del telaio Jacquard, che costituisce la prima applicazione pratica (ma non informatica) delle schede perforate.
[Fonte: Enciclopedia Grolier]
1804

1804-00-00. L'inventore francese Joseph Marie Jacquard brevetta il telaio Jacquard, che costituisce la prima applicazione pratica delle schede perforate. Le schede comandano la tessitura di disegni e trame sui tessuti. La sua creazione produce un vero boom nell'industria tessile e Napoleone I conferisce a Jacquard una pensione onoraria. La macchina incontra l'opposizione dei lavoratori del settore, ma ciononostante si diffonde rapidamente.
[Fonte: Enciclopedia Grolier]
1812

1812-00-00. Charles Babbage, professore di matematica di Cambridge (Regno Unito), scopre che molti calcoli lunghi e complessi, particolarmente quelli necessari per le tavole matematiche, sono composti da operazioni ripetitive e pertanto eseguibili automaticamente. Inizia pertanto la progettazione di una macchina calcolatrice meccanica automatica, che chiama difference engine.
[Fonte: Enciclopedia Grolier]
1820

1820-00-00. Charles Xavier Thomas sviluppa la prima calcolatrice meccanica commerciale, in grado di eseguire somme, sottrazioni, moltiplicazioni e divisioni.
[Fonte: Enciclopedia Grolier]
1822

1822-00-00. Dopo dieci anni di lavoro, Charles Babbage completa la costruzione di un modello funzionante dimostrativo della sua calcolatrice automatica o difference engine.
[Fonte: Enciclopedia Grolier]
1823

1823-00-00. Con il sostegno economico del governo britannico, Charles Babbage inizia la costruzione di un esemplare in scala 1:1 della sua macchina calcolatrice automatica. L'apparecchio, secondo il progetto di Babbage, è azionato a vapore ed è interamente automatico anche per quanto riguarda la stampa delle tabelle prodotte dai suoi calcoli; inoltre è controllato da un programma di istruzioni fisse. La costruzione prosegue per dieci anni ma viene poi interrotta perché Babbage ha avuto un'idea migliore: costruire un computer digitale meccanico.
[Fonte: Enciclopedia Grolier]
1833

1833-00-00. Charles Babbage inizia la progettazione di un analytical engine: un calcolatore digitale meccanico automatico, interamente controllato da un programma, utilizzabile per qualsiasi applicazione. Il progetto prevede un calcolatore decimale parallelo che gestisce numeri (o parole) di 50 cifre decimali ed è dotato di una memoria capace di contenere 1000 di questi numeri. Fra le operazioni internamente disponibili è prevista la possibilità del trasferimento condizionale del controllo: le istruzioni possono essere eseguite in qualsiasi sequenza anziché soltanto in ordine di numero progressivo. L'Analytical Engine prevede l'uso di schede perforate, del tipo in uso sui telai Jacquard, ed è azionata a vapore sotto il controllo di un singolo operatore.
Il calcolatore di Babbage non viene mai completato per vari motivi, fra cui la mancanza di tecniche di lavorazione meccanica di precisione e il fatto che la macchina risolverebbe problemi che ben pochi, in quest'epoca preindustriale, hanno bisogno di risolvere urgentemente.
Lady Ada, contessa di Lovelace e figlia di lord Byron, scrive numerosi programmi di calcolo matematico per l'analytical engine; per questo motivo viene considerata la prima programmatrice e il suo ruolo verrà ricordato assegnando il suo nome a un linguaggio di programmazione (ADA, appunto).
[Fonte: Enciclopedia Grolier; Manabile di Informatica, 1984]
1854

1854-00-00. George Boole pubblica An Investigation of the Laws of Thought, che getta le basi dell'algebra di Boole.
[Fonte: Manabile di Informatica, 1984]
1876

1876-00-00. Lars Magnus Ericsson fonda la Ericsson. A quest'epoca, però, non produce telefoni cellulari.
[Fonte:
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!

1890

1890-00-00. Herman Hollerith e James Powers, nell'ambito del loro lavoro per l'U.S. Census Bureau (l'ufficio del censimento statunitense), realizzano la prima applicazione pratica delle schede perforate nelle macchine di analisi dei dati, sviluppando macchine in grado di leggere automaticamente, senza aiuto umano, le informazioni immesse nelle schede (la prima applicazione pratica delle schede perforate, non in ambito informatico, risale ai telai di tessitura Jacquard del 1804). Questa innovazione riduce gli errori di lettura, aumenta la velocità di trattamento dei dati e, cosa più importante, consente di usare pacchi di schede perforate come memoria a basso costo di capienza quasi illimitata.
[Fonte: Enciclopedia Grolier]

1890-00-00. Le calcolatrici meccaniche commerciali ampliano le proprie prestazioni e ora includono l'accumulo di risultati parziali, la memorizzazione e la reimmissione di risultati precedenti, e la stampa dei risultati. Tutte le operazioni vanno avviate manualmente.
[Fonte: Enciclopedia Grolier]
1901

1901-12-12. L'italiano Guglielmo Marconi riceve nel Newfoundland (Canada) la lettera S in codice Morse (tre punti) trasmessa dalla Cornovaglia (Inghilterra) è la prima trasmissione intercontinentale in tempo reale, e dimostra che la radio può superare la curvatura terrestre e coprire enormi distanze, cose ritenute impossibili a quest'epoca.
[Fonti: Enciclopedia Grolier; St Microelectronics; CNN]
1910

1910-00-00. Lars Magnus Ericsson, fondatore della Ericsson diventata in seguito famosa per i suoi telefoni cellulari, usa il primo "telefono mobile": installa sulla propria auto (acquistata dietro insistenza della moglie Hilda) un normale apparecchio telefonico: quando Lars vuole telefonare dalla macchina, la accosta accanto ad un palo telefonico e Hilda usa due lunghe aste per agganciarsi a una coppia di fili delle rete telefonica. All'altro capo, le aste sono collegate al telefono di Lars. Hilda cerca una coppia libera (cioè dove non è già in corso una conversazione); quando la trova, Lars gira la manovella della dinamo del proprio telefono e genera il segnale di chiamata al centralinista della centrale più vicina. Il sistema consente soltanto chiamate uscenti, e indubbiamente il centralinista è un po' sorpreso di sentire la voce di Lars quando risponde al segnale di chiamata, ma il sistema funziona adeguatamente.
[Fonte: Ericsson.com]
1912

1912-06-23. Nasce Alan Turing. Sarà uno dei massimi teorici dell'informatica nonché artefice principale della decifrazione dei codici segreti tedeschi durante la seconda guerra mondiale.
[Fonte: Enciclopedia Grolier]
1918

1918-00-00. Viene fondata negli Stati Uniti l'ANSI, o American National Standards Institute, un'organizzazione senza scopo di lucro composta da gruppi industriali e imprenditoriali e dedicata allo sviluppo di standard da adottare su base volontaria. Molti decenni dopo, l'ANSI svilupperà le raccomandazioni tecniche per il linguaggio C, per l'interfaccia SCSI e per il celeberrimo driver ANSI.SYS del DOS, di OS/2 e di alcune versioni di Windows.
[Fonte: PC User's Pocket Dictionary - Second Edition, Peter Dyson, 1995]
1924

1924-00-00. Herman Hollerith ribattezza la propria azienda, nata nel 1896 come Tabulating Machine Company a New York City e poi fusasi con altre tre società a costituire nel 1911 la Computing-Tabulating-Recording Corporation. Il nuovo nome della società è International Business Machines Corporation, presto abbreviato in IBM.
[Fonte: Enciclopedia Grolier]
1928

1928-00-00. Viene fondata la Motorola, Inc.
[Fonte: PC User's Pocket Dictionary - Second Edition, Peter Dyson, 1995]
1936

1936-00-00. Alan Mathison Turing, matematico inglese e dottorando alla Princeton University (Stati Uniti), pubblica On Computable Numbers, in cui descrive una macchina in grado di cambiare da uno stato a un altro seguendo un insieme rigoroso di regole. Il suo lavoro getta le basi della logica dei calcolatori digitali.
[Fonte: Enciclopedia Grolier]

1936-00-00. August Dvorak inventa la tastiera Dvorak, in cui le lettere sono disposte diversamente rispetto alla tradizionale disposizione QWERTY, allo scopo di consentire maggiori velocità di battitura (il sistema QWERTY era stato introdotto per rallentare la battitura onde evitare che i martelletti delle macchine per scrivere si inceppassero). Nella tastiera Dvorak, le vocali e i segni di punteggiatura sono tutti a sinistra e le consonanti più comuni sono a destra. Tuttavia gli oneri connessi al riaddestramento dei dattilografi sono troppo elevati, per cui la tastiera, pur essendo dimostratamente molto più efficiente, non ha successo.
[Fonte: PC User's Pocket Dictionary - Second Edition, Peter Dyson, 1995]
1939

1939-00-00. Howard Aiken, professore d'ingegneria alla Harvard University, propone a Thomas J. Watson, presidente di IBM, di costruire un enorme calcolatore elettromeccanico. L'IBM è a quest'epoca esclusivamente concentrata sulla produzione di tabulatori e non ha interesse per i computer, ma Watson finanzia il progetto per una questione d'immagine. IBM inizia quindi la costruzione del Mark I.
[Fonte: Enciclopedia Grolier]

1939-00-00. William Hewlett e David Packard fondano, in un garage, la Hewlett-Packard, in seguito nota per i suoi computer, calcolatrici tascabili, mainframe, strumenti medici e scientifici, stampanti laser, plotter e software.
[Fonte: PC User's Pocket Dictionary - Second Edition, Peter Dyson, 1995]
1939-1942 (circa)

immagine di EnigmaIl progetto militare inglese denominato in codice Ultra intercetta e decodifica i messaggi cifrati tedeschi generati dalla macchina Enigma (nella foto), considerata inespugnabile dal Reich.
Dopo un periodo iniziale in cui l'analisi e la decifrazione dei messaggi avvengono manualmente, viene introdotto l'uso di un calcolatore dedicato, sotto la direzione di Alan Turing.
Verso la fine della guerra, i messaggi tedeschi vengono decifrati praticamente in tempo reale. I tedeschi sapranno di essere stati "craccati", come si direbbe adesso, solo alla fine del conflitto.
[Fonte: Station X, programma televisivo della BBC]
1940

1940-00-00. Inizia quella che viene considerata la prima generazione di computer, caratterizzata da tubi a vuoto, grandi dimensioni, generazione di molto calore, scarsa affidabilità, manutenzione continua e assemblaggio manuale.
[Fonte: Manabile di Informatica, 1984]
1941

1941-00-00. Il costo di una telefonata intercontinentale (di tre minuti, da New York a Londra), espresso in dollari USA del 2000, è di 200 dollari. La stessa chiamata, nel 2000, costerà meno di un dollaro.
[Fonte: Fortune, 22 novembre 1999, pag. 100]
1942

1942-00-00. John P. Eckert e John W. Mauchly e i loro colleghi alla Moore School of Electrical Engineering della University of Pennsylvania propongono di costruire un calcolatore elettronico ad alta velocità per il calcolo delle tabelle balistiche per l'artiglieria. L'esercito finanzia così la costruzione di ENIAC, che sta per Electrical Numerical Integrator And Calculator. Gestisce parole numeriche di 10 cifre decimali, che può moltiplicare al ritmo di 300 prodotti al secondo attingendo a una tabella di moltiplicazione contenuta nella sua memoria. La macchina è circa mille volte più veloce dei suoi predecessori a relè, e viene completata nel 1945.
ENIAC usa 18.000 valvole standard, occupa circa 170 metri quadri e consuma circa 180 chilowatt di corrente. L'input e l'output avvengono tramite scheda perforata. Le istruzioni eseguibili che costituiscono un programma vengono definite collegando fra loro i vari componenti di ENIAC in modo da creare un percorso di calcolo attraverso la macchina. I collegamenti devono essere rifatti ogni volta che si cambia problema. E' quindi abbastanza improprio considerarlo come un calcolatore programmabile. ENIAC viene considerato il primo calcolatore digitale elettronico ad alta velocità e rimane in uso per applicazioni pratiche dal 1946 al 1955.
Molte delle idee applicate in ENIAC sono ispirate dal lavoro di un altro fisico statunitense, John V. Atanasoff, che le aveva utilizzate in un apparecchio valvolare più semplice che aveva costruito negli anni Trenta allo Iowa State College.
[Fonte: Enciclopedia Grolier]
1943

1943-00-00. Thomas J. Watson Jr., in seguito diventato presidente dell'IBM, pronuncia la famosa frase "I think there is a world market for about five computers" ("Penso che ci sia richiesta mondiale per circa cinque computer").
[Fonte: Life Magazine]

1943-00-00. IBM completa la costruzione del Mark I, il computer progettato da Howard Aiken, e lo dona all'università di Harvard con celebrazioni in pompa magna di grande richiamo pubblicitario.
Il Mark I si basa su componenti elettromeccanici standard di IBM ed è in grado di gestire numeri (parole) di 23 cifre, eseguendo le quattro operazioni aritmetiche e, tramite speciali programmi integrati (subroutine), anche logaritmi e funzioni trigonometriche.
Il computer viene comandato mediante un nastro di carta perforato che non è riavvolgibile e quindi non consente la programmazione di istruzioni di trasferimento del controllo. L'output avviene tramite perforatrice di schede e macchina per scrivere elettrica. Una moltiplicazione richiede da 3 a 5 secondi, ma la macchina è completamente automatica e può completare calcoli molto lunghi senza l'intervento dell'uomo.
[Fonte: Enciclopedia Grolier]
1945

1945-00-00. Affascinato dal successo di ENIAC, il matematico John Von Neumann inizia uno studio teorico che dimostra che un computer può avere una struttura fisica fissa molto semplice ed essere comunque in grado di eseguire efficacemente qualsiasi tipo di calcolo usando un controllo programmato adatto, senza che sia necessario modificarne l'hardware.
Le sue idee gettano le basi per i calcolatori digitali ad alta velocità e vengono adottate universalmente in breve tempo. Una, la cosiddetta stored-program technique, consente al calcolatore di riutilizzare e ripetere istruzioni già immesse (subroutine); un'altra prevede la possibilità di modificare le istruzioni secondo necessità durante un calcolo, in modo che si comportino diversamente.
Combinando questi due concetti, Von Neumann definisce uno speciale tipo di istruzione, chiamato conditional control transfer (trasferimento condizionato del controllo), che consente di interrompere e riprendere la sequenza del programma in qualsiasi punto. Inoltre tutte le istruzioni vengono memorizzate insieme ai dati nella stessa unità di memoria, per cui le istruzioni sono modificabili aritmeticamente esattamente come i dati.
Tutti questi elementi innovativi consentono una programmazione immensamente più rapida, flessibile ed efficiente: nascono le librerie di subroutine.
[Fonte: Enciclopedia Grolier]

1945-09-9. Grace Murray Hopper, inventrice del linguaggio COBOL, o qualcuno dei suoi collaboratori rimuove una falena di cinque centimetri dall'interno del Mark II Aiken Relay Calculator, un computer sperimentale situato presso la Harvard University, che era andato in tilt proprio a causa della presenza dell'insetto. Si dice spesso che da questo incidente nacque la consuetudine di dire che un computer contiene un bug ("insetto", appunto) quando non funziona correttamente, ma in realtà l'espressione era già in uso in vari settori tecnologici sin dai tempi di Edison, a fine Ottocento.
[Fonti: Simpson’s Contemporary Quotations; Time, 16 aprile 1984; History.navy.mil; Catb.org]
1946

1946-00-00. John Tukey, statistico di Princeton, concatena le parole binary e digit e conia il termine bit.
[Fonte: Time, 2000]
1947

1947-00-00. Viene immessa sul mercato la prima generazione di computer elettronici programmabili basata sulle idee di Von Neumann. Queste macchine usano memoria ad accesso casuale (random access memory, RAM) in grado di contenere 1000 parole, con un tempo di accesso di 0,5 microsecondi, e hanno input e output su scheda perforata o nastro perforato. Alcune sono in grado di eseguire moltiplicazioni in 2-4 microsecondi. Sono molto più compatte di ENIAC; alcune hanno le dimensioni di un pianoforte a coda e usano circa 2.500 valvole. In genere si programmano direttamente in linguaggio macchina. Questa generazione di macchine include EDVAC e UNIVAC, i primi computer commercialmente disponibili.
[Fonte: Enciclopedia Grolier]
1948

1948-00-00. IBM fabbrica un calcolatore elettromeccanico molto evoluto (per gli standard dell'epoca), il SSEC (Selective Sequence Electronic Calculator), e lo installa in uno showroom di Manhattan.
[Fonte: Enciclopedia Grolier]

1948-00-00. Un matematico trentaduenne dei Bell Telephone Laboratories, Claude Elwood Shannon, presenta la teoria dell'informazione (information theory), scoprendo con sorpresa che qualsiasi informazione può essere espressa in formato binario, usando soltanto sequenze di 1 e 0. Con questa teoria vengono gettate le basi per tutte le tecnologie digitali: CD audio, modem, memorie magnetiche, Internet, TV via satellite, telefoni GSM e quant'altro.
[Fonti: Enciclopedia Grolier e Cnet.com]

1948-12-23. William Shockley, John Bardeen e Walter Brattain dei Bell Laboratories inventano il transistor.
[Fonte: Pbs.org (data del primo "point-contact transistor")]
1949

1949-00-00. A Cambridge viene costruito, EDSAC, il primo calcolatore elettronico automatico con programma memorizzato: contiene 3800 valvole e una memoria di 16 parole da 35 bit.
[Fonte: Manabile di Informatica, 1984]
1950

1951

1951-03-00. Viene consegnato all'Ufficio del Censimento statunitense il primo UNIVAC (Universal Automatic Computer), realizzato da Eckert e Mauchly (tramite la loro società Eckert-Mauchly Computer Corp.) con il finanziamento della Remington Rand.
[Fonte: Enciclopedia Grolier, CNN]

1951-06-14. Lo U.S. Census Bureau mette ufficialmente in servizio lo UNIVAC I, considerato il primo computer commerciale al mondo. Ne vengono costruiti 46, al prezzo di circa un milione di dollari dell'epoca. Fra i primi utenti degli UNIVAC I figurano l'aviazione e l'esercito statunitensi, la Atomic Energy Commission, la General Electric, la US Steel e la DuPont. Per gli standard dell'epoca, gli UNIVAC I sono "piccoli": grandi come un garage capace di contenere una singola automobile. Ciascuno contiene circa 5000 tubi elettronici a vuoto (vacuum tubes), che devono essere facilmente accessibile per la sostituzione, dato che si bruciano spesso. I tubi generano una quantità impressionante di calore, per cui vanno raffreddati tramite un impianto di circolazione d'acqua fredda. I problemi logistici e di manutenzione inducono molte delle società acquirenti a lasciarle presso la Remington Rand invece di portarle nelle proprie sedi.
[Fonte: CNN]
1952

1952-00-00. Inizia quella che viene considerata la seconda generazione di computer, caratterizzata da transistor, dimensioni e calore meno estremi, migliore affidabilità e velocità, e minore manutenzione.
[Fonte: Manabile di Informatica, 1984]

1952-11-xx. La CBS usa uno UNIVAC I per prevedere il risultato delle elezioni americane. La macchina prevede correttamente la vittoria di Eisenhower, ma la CBS divulga l'informazione soltanto dopo le elezioni perché il margine di differenza tra i due contendenti è ritenuto troppo esiguo.
[Fonte: enciclopedia Grolier per la data delle elezioni; per il resto, CNN]
1953

1953-00-00. IBM presenta l'IBM 701, costruito in fretta e furia sulla scia del successo dei concorrenti UNIVAC.
[Fonte: Enciclopedia Grolier]
1954

1954-11-00. Viene pubblicato il documento Specifications for the IBM Mathematical FORmula TRANslating system, FORTRAN", che definisce il linguaggio di programmazione FORTRAN.
[Fonte: Manabile di Informatica, 1984]

1954-06-07. Muore suicida, a 41 anni, Alan Turing. Nel 1952 era stato arrestato per violazione delle leggi britanniche vigenti all'epoca contro l'omosessualità e sottoposto a "cure" devastanti.
Durante il processo, Turing non aveva mai menzionato i propri contributi allo sviluppo dell'informatica (sue sono le famose macchine di Turing e il test di Turing per verificare se una macchina "pensa") né soprattutto il fatto che durante la seconda guerra mondiale era stato uno dei principali artefici dello sforzo del British Foreign Office di decifrare i codici militari tedeschi, salvando la vita di migliaia di soldati e civili. L'intera operazione era stata classificata top secret da Churchill, e Turing mantenne il segreto a prezzo di terribili sofferenze personali.
[Fonte: Enciclopedia Grolier e il programma televisivo Station X]
1955

1955-00-00. Viene inventata la memoria a nuclei.
[Fonte: Manabile di Informatica, 1984]

1955-00-00. Nasce Steve Jobs, futuro fondatore della Apple Computer Inc.
[Fonte: Enciclopedia Grolier]

1955-10-28. Nasce a Seattle William Henry Gates III, meglio noto in seguito come Bill Gates.
[Fonte: Time, 7 dicembre 1998]
1956

1956-00-00. IBM inventa e commercializza il disco rigido.
[Fonte: MP3 for Dummies, edizione italiana 2000, pag. 112]

1956-00-00. Nel mondo sono in funzione 76 mainframe IBM e 46 UNIVAC.
[Fonte: Enciclopedia Grolier]
1957

1957-00-00. Entra in funzione il primo computer a transistor.
[Fonte: Manabile di Informatica, 1984]

1957-00-00. Viene fondata la Digital Equipment Corporation o DEC. Diventerà uno dei principali produttori di minicomputer e mainframe ad alte prestazioni, fra cui i celeberrimi VAX.
[Fonte: PC User's Pocket Dictionary - Second Edition, Peter Dyson, 1995]

1957-00-00. Viene lanciato dall’Unione Sovietica lo Sputnik, primo satellite artificiale.
[Fonte: Hobbes Internet Timeline]
1958

1958-00-00. In risposta al lancio sovietico dello Sputnik dell’anno precedente, il presidente americano Dwight Eisenhower fonda l'Advanced Research Projects Agency (ARPA) per coordinare la ricerca tecnologica statunitense. Internet nascerà da uno dei progetti dell'ARPA.
[Fonte: Fortune, 9 ottobre 2000; Hobbes Internet Timeline]

1958-00-00. William (Willy) Higinbotham, al Brookhaven National Laboratory di Upton (New York, USA), realizza Tennis for Two, il primo videogioco basato su un computer e uno schermo, allo scopo di migliorare le relazioni con gli abitanti della zona che considerano con sospetto l'attività di ricerca nucleare svolta a Brookhaven. Il gioco usa uno oscilloscopio per generare l'immagine e un computer analogico valvolare per calcolare la traiettoria di una "pallina" che percorre un campo da tennis estremamente stilizzato (la "rete" è una semplice T rovesciata). Nessuno però è particolarmente interessato a una versione commerciale del gioco e Higinbotham non lo brevetta.
Molti storici dell'informatica sostengono che non essendo stato progettato per l'uso domestico o per qualsiasi forma di commercializzazione non lo si può considerare un vero videogioco. Tuttavia il gioco rimane in esposizione, a disposizione dei visitatori del laboratorio, per due anni, suscitando notevole interesse, al punto che si formano code di aspiranti giocatori che si snodano intorno all'intero edificio.
[Fonti: Pong-story.com; BBC]
1959

1959-04-09. Un gruppo di programmatori si incontra presso la University of Pennsylvania ed esprime il parere che è necessario un linguaggio indipendente dalla macchina per applicazioni commerciali e gestionali, contattando in merito il Ministero della Difesa statunitense, che approva il progetto COBOL (COmmon Business-Oriented Language).
[Fonte: Manabile di Informatica, 1984]

1959-00-00. Robert Noyce, fisico della Fairchild Semiconductor Corporation di Mountain View, California, inventa il circuito integrato: una piccola scheggia di silicio che contiene un intero circuito elettronico.
[Fonte: Enciclopedia Grolier]

1959-00-00. La Xerox presenta la prima fotocopiatrice.
[Fonte: Fortune, 22 novembre 1999, p. 81]
1960

1960-01-01. Nel mondo sono installati 3500 computer.
[Fonte: Manabile di Informatica, 1984]
1961

1961-05-31. Leonard Kleinrock, dell’MIT, pubblica l’articolo "Information Flow in Large Communication Nets", fondamentale per la definizione della struttura delle reti informatiche di telecomunicazione. E’ il primo articolo che presenta la teoria del packet switching, o “commutazione di pacchetti”.
[Fonte: Hobbes Internet Timeline]
1962

1962-04-00. Uno studente dell'MIT, Steve Russell, crea Spacewar, il primo programma di videogioco per computer non dedicati (il gioco di Higinbotham del 1958 non era un programma; la macchina era un computer analogico hardwired, cioè senza programma memorizzato su supporto). Spacewar è un semplice gioco basato su grafica ASCII in cui due giocatori pilotano astronavi dotate di propulsori e cercano di colpirsi a vicenda con i "raggi laser" tracciati sullo schermo del monitor. Le astronavi devono combattere l'attrazione gravitazionale del "sole" presente al centro dello schermo, su uno sfondo di stelle in lento movimento. Funziona soltanto su macchine PDP-l, che all'epoca costano milioni di dollari e sono grandi come un appartamento. Copie su nastro del programma vengono distribuite agli altri laboratori di ricerca statunitensi, e il gioco ha un grande successo fra i pochi fortunati ad avere accesso a un PDP-1.
Uno dei fortunati è un certo Nolan Bushnell, futuro fondatore della Atari.
[Fonti: Geocities.com e PDP-1 Plays at Spacewar, di D. J. Edwards e J. M. Graetz, Decuscope, vol. 1, no. 1, April, 1962, pp. 2-4; Wheels.org]

1962-08-00. J.C.R. Licklider e W. Clark, dell’MIT, pubblicano l’articolo "On-Line Man Computer Communication", che getta le basi di una rete, chiamata ambiziosamente Galactic Network (“rete galattica”), in grado di gestire non solo il semplice scambio di dati fra computer ma anche le interazioni sociali: collegare persone, quindi, e non soltanto computer.
[Fonte: Hobbes Internet Timeline]

1962-09-00. La Rand Corporation pubblica il rapporto "On Distributed Communications Networks" di Paul Baran, che riassume il lavoro di ricerca svolto da Baran stesso su commessa dell'aviazione statunitense e descrive come le forze militari statunitensi potrebbero proteggere il proprio sistema di comunicazioni in caso di attacco massiccio. Baran delinea il principio della "connettività ridondante" (redundancy of connectivity) e valuta la vulnerabilità di vari modelli di struttura di telecomunicazione.
Il rapporto propone un sistema di comunicazione nel quale non esiste un centro di comando vero e proprio e in cui tutti i nodi di rete sopravvissuti a un attacco sono in grado di ristabilire il contatto in caso di attacco ad un punto qualsiasi. In altre parole, eventuali danni ad una parte della rete non rendono inservibile l'intera rete e l'effetto dell'attacco viene ridotto al minimo.
Una delle raccomandazioni di Baran propone lo sviluppo di un'infrastruttura pubblica nazionale per il trasferimento di dati, simile alla rete telefonica: Internet, insomma.

“E' forse giunto il momento di cominciare a pensare a una nuova infrastruttura pubblica che forse oggi non esiste, ossia un impianto per la comunicazione di dati digitali degli utenti comuni, progettato specificamente per la trasmissione di dati digitali fra un vasto insieme di abbonati?”

"Is it time now to start thinking about a new and possibly non-existant public utility, a common user digital data communication plant designed specifically for the transmission of digital data among a large set of subscribers?"

[Fonte: THN. Il rapporto "On Distributed Communications Networks" è datato 1962 da THN ed è stato ripubblicato dalla RAND in una raccolta intitolata confusoriamente "On Distributed Communications" (senza "Networks") nel 1964 (Rand.org) e nelle IEEE Transactions on Communications Systems di marzo 1964. La RAND conferma che "His seminal work first appeared in a series of RAND studies published between 1960 and 1962 and then finally in the tome 'On Distributed Communications,' published in 1964" (Rand.org)]
1963

1963-00-00. Harvey R. Ball, pubblicitario statunitense, crea la Smiley Face ("faccina sorridente") nell'ambito di una campagna per sollevare il morale dei dipendenti di due compagnie assicurative che si erano fuse da poco. La sua ormai mitica faccina composta da un cerchio giallo, due puntini per gli occhi e un semicerchio per il sorriso farà da base alle "ciberfacce" o "emoticon" usate in seguito su Internet.
[Fonti: Yahoo.com, Worldsmile.com]

1963-00-00. La Digital Equipment Corporation produce i primi minicomputer. A differenza dei mainframe, dominanti in questo periodo, le macchine della Digital sono compatte (per gli standard del momento) e quindi installabili quasi ovunque, ad esempio su sommergibili, in laboratori, filiali di banche o fabbriche.
[Fonte: Enciclopedia Grolier]

1963-09-28. Notizia autocelebrativa. Nasce a York, Inghilterra, Paolo Attivissimo, traduttore e autore d'informatica. Scriverà il primo libro su Internet pubblicato in Italia, sarà il primo in Italia a ottenere il rimborso di Windows, e compirà molti altri misfatti letterari e informatici.
[Fonte: me]
1964

1964-01-01. Nel mondo sono installati 19.000 computer.
[Fonte: Manabile di Informatica, 1984]

1964-00-00. Inizia quella che viene considerata la terza generazione di computer, caratterizzata da circuiti integrati, dimensioni compatte, minor consumo di energia elettrica e minori costi di fabbricazione.
[Fonte: Manabile di Informatica, 1984]

1964-00-00. IBM introduce il System/360, una gamma di processori centrali, dispositivi di memoria e altre periferiche, tutte compatibili fra loro e concepite per adattarsi a una vasta gamma di esigenze di calcolo e di spesa. Ha un successo di vendita enorme, con più di mille ordini d'acquisto al mese. E' considerato il primo computer della terza generazione: architettura comune, linguaggi evoluti, vasto assortimento di terminali e periferiche, interfacce standard tra periferiche e unità centrale, tecnologia al silicio.
[Fonte: Enciclopedia Grolier; Manabile di Informatica, 1984]

1964-00-00. John G. Kemeny e Thomas E. Kurtz, presso il Dartmouth College (New Hampshire, USA), inventano un linguaggio di programmazione che chiamano Beginner's All-Purpose Symbolic Instruction Code ed è meglio noto come BASIC.
[Fonte: Time, 7 dicembre 1998; Manabile di Informatica, 1984]

1964-00-00. Paul Baran, della Rand Corporation, pubblica in versione estesa "On Distributed Communications Networks", un documento che sottolinea la grande resistenza agli attacchi nucleari permessa dalle reti distribuite e a commutazione di pacchetti. Questo documento dà il via alla leggenda secondo la quale Internet fu creata per sopravvivere alla guerra nucleare.
Infatti quando Larry Roberts progetterà la rete ARPANET su commissione del Dipartimento della Difesa, attingerà anche alle idee di Baran concepite per uso militare, ma lo farà per facilitare la comunicazione e la condivisione di risorse fra i computer delle università e dei centri di ricerca, non per connettere siti militari. Tuttavia il finanziamento di ARPANET è di origine militare.
[Fonte: Fortune, 9 ottobre 2000; Hobbes Internet Timeline; Ibiblio.org]

foto Perottina1964-00-00. L'ingegnere italiano Pier Giorgio Perotto, docente al Politecnico di Torino e capo di un'équipe di ingegneri dell'Olivetti, realizza la macchina "Programma 101", antesignana del PC. Grande come una calcolatrice e battezzata al femminile ("la Programma 101") e in seguito nota anche come "la Perottina", viene commercializzata l'anno successivo.
E' la prima macchina di calcolo che combina le prestazioni di un computer con la semplicità d'uso di una calcolatrice: prima della Perottina, infatti, o si ricorreva ai costosissimi e complicatissimi computer, o ci si accontentava della calcolatrice meccanica da tavolo che faceva soltanto le quattro operazioni.
Per l'ingresso e l'uscita dei dati, la Perottina usa una cartolina magnetica che può anche fungere da memoria permanente. E' dotata di un linguaggio macchina semplificato, costituito da sole sedici istruzioni molto intuitive: una sorta di Basic ante litteram.
La Perottina nasce come oggetto di ricerca pura, ma diventa inaspettatamente un successo commerciale (ne vengono prodotti 40.000 esemplari) che convince l'Olivetti a rientrare nell'elettronica e iniziare un lungo periodo in cui il marchio di Ivrea è fra i protagonisti della scena internazionale.
[Fonti: Punto Informatico; Apogeonline.com]
1965

1965-00-00. Gordon Moore (futuro cofondatore della Intel) pubblica un articolo sulla rivista Electronics in cui prevede che il numero di circuiti realizzabile su un chip di silicio è destinato a raddoppiare ogni dodici mesi. Nasce così la cosiddetta legge di Moore. Successivamente Moore la correggerà, sostituendo "dodici mesi" con "18-24" mesi. La "legge" funzionerà in modo sorprendentemente preciso per i quattro decenni successivi.
[Fonte: Time, 2000; la datazione al 1965 è confermata da Webopedia.com e da Intel.com]

1965-00-00. Ted Nelson conia il termine ipertesto (hypertext) nel suo libro Literary Machines.
[Fonte: Infoworld.com]
1966

1966-00-00. Edgar Dijkstra scrive un articolo tecnico che dichiara che la qualità di un programma è inversamente proporzionale al numero di salti incondizionati (GOTO) che contiene: è l'inizio di quella che verrà chiamata programmazione strutturata.
Gli italiani Carlo Boehm e Giuseppe Jacopini dimostrano rigorosamente che qualsiasi programma può essere scritto facendo a meno dell'istruzione GOTO, gettando quindi le basi teoriche per la programmazione strutturata.
[Fonte: Manabile di Informatica, 1984]

1966-00-00. La Xerox presenta il primo fax commerciale.
[Fonte: Fortune, 22 novembre 1999, p. 81]
1967

1967-00-00. Il National Physical Laboratory (NPL) del Middlesex, Regno Unito, sviluppa l’NPL Data Network sotto la direzione di Donald Watts Davies, che conia il termine packet (pacchetto) nella sua accezione informatica. La rete NPL è un esperimento di commutazione di pacchetti che usa linee da 768 kbps.
[Fonte: Hobbes Internet Timeline]

1967-11-09 (o 13). Viene presentata la prima versione funzionante del ping-pong elettronico, realizzata da Ralph Baer, Bill Rush e Bill Harrison.
[Fonte: Pong-story.com]

Akio Morita1967-00-00. La Sony presenta a New York uno dei primi microtelevisori portatili. Il dimostratore, Akio Morita (qui a destra), sarà in seguito l'inventore del walkman.
[Fonte: Fortune, 22 novembre 1999]
1968

1968-00-00. Vengono messe in funzione le prime reti a commutazione di pacchetti (packet-switching network) presso i National Physical Laboratories nel Regno Unito e presso la Société Internationale de Télécommunications Aéronautiques (1968-1970) in Francia. Lo sviluppo di una rete a commutazione di pacchetti inizia nel 1968 anche negli USA, ma la tecnologia viene consegnata all'Advanced Research Projects Agency (ARPA) solo nel 1969.
[Fonte: THN]

1968-08-00. Viene pubblicata la prima versione standard del COBOL, denominata ANSI COBOL.
[Fonte: Manabile di Informatica, 1984]

1968-00-00. Gordon Moore e Bob Noyce fondano la Intel.
[Fonte: PC Review, aprile 1997, p. 30; Fortune, dicembre 1999; Time, 2000]

foto del primo mouse1968-12-09. A una conferenza al Convention Center di San Francisco, Stati Uniti, viene presentato il primo mouse (qui a destra). Douglas C. Engelbart e i suoi 17 collaboratori all'Augmentation Research Center dello Stanford Research Institute di Menlo Park, California, offrono una dimostrazione pubblica di 90 minuti del sistema online, chiamato NLS, al quale lavorano dal 1962.
Fra le altre innovazioni presentate, l'ipertesto: cliccando con il mouse su determinati punti della schermata, compare un altro testo più informativo.
[Fonte: CNN e Stanford.edu]
1969

1969-00-00. Intel inventa il microprocessore.
[Fonte; PC User's Pocket Dictionary - Second Edition, Peter Dyson, 1995]

1969-00-00. Nolan Bushnell (futuro fondatore della Atari) fabbrica Computer Space, un videogioco arcade che usa uno monitor TV di tipo raster. Non ha successo commerciale, ma è sufficiente a far considerare Bushnell padre dei videogiochi arcade.
[Fonte: Pong-story.com]

1969-04-07. Steve Crocker pubblica la prima RFC, "Host Software". Le RFC, o Request for Comments, sono inizialmente soltanto proposte tecniche alle quail viene richiesto un commento (donde il nome), ma ben presto assumono il valore di “leggi” della Rete.

1969-04-07. Il Dipartimento della Difesa statunitense commissiona ARPANET. Man mano che la Bolt, Beranek e Newman costruisce gli IMP, che sono dei minicomputer Honeywell DDP-516 con 12 K di memoria usato come gateway, vengono collegati vari computer di modelli differenti, che costituiscono i nodi della nascente Arpanet. Il 2 settembre viene collegato il primo nodo (UCLA); il secondo (lo Stanford Research Institute o SRI) viene collegato l’1 ottobre. L’1 novembre viene collegato l’IBM 360/75 della University of California Santa Barbara o UCSB; a dicembre si attiva il quarto nodo, quello della University of Utah, un DEC PDP-10. Lo schizzo originale della rete è disponibile presso Computerhistory.org.
[Fonte: Hobbes Internet Timeline]

1969-10-20. Viene effettuato il primo login remoto fra due computer negli Stati Uniti, che può anche essere visto come il primo e-mail (messaggio testuale scambiato fra due computer). Il professor Leonard Kleinrock, considerato da molti il padre di Internet, riesce a far dialogare il proprio computer alla University of California di Los Angeles con un altro computer in un centro di ricerca separato, a Stanford, vicino a San Francisco.
Pochi istanti dopo l'invio del messaggio (costituito in tutto da due lettere), il computer va in crash. Kleinrock rievoca così quell'evento molti anni più tardi alla TV inglese:
"Tutto quello che volevamo fare era fare logon dalla mia macchina sulla loro. E per fare logon bisogna digitare L-O-G" racconta il professor Kleinrock.
"E così il mio assistente digitò la L, e noi dicemmo 'Avete ricevuto la L?' e ci risposero 'Abbiamo ricevuto la L' [l’assistente era Charley Kline, e gli sperimentatori si parlavano per telefono durante la prova -- Paolo]. Digitammo la O. 'Avete ricevuto la O?'. 'Abbiamo ricevuto la O'. Digitammo la G. 'Avete ricevuto la G?'. Crash.
La macchina era andata in guasto. Sicché il primo messaggio trasmesso via Internet fu 'hello', o meglio, 'hello, crash' ['hello' è un gioco di parole sulla pronuncia inglese delle lettere L e O -- Paolo.].
Più tardi, quel giorno, fu stabilito un login completo e corretto.
[Fonte: intervista a Kleinrock, TV inglese; Where Wizards Stay Up Late, Hafner e Lyon, pag. 153; secondo la Hobbes Internet Timeline, la data del crash alla lettera G è il 29 ottobre 1969]

1969-12-28. Nasce a Helsinki Linus Torvalds, futuro fondatore del sistema operativo libero Linux.
[Fonte: Max, 2001]
1970

1970-00-00. Vengono annunciate le ROM, memorie a semiconduttori a sola lettura.
[Fonte: Manabile di Informatica, 1984]

1970-00-00. Gli host di ARPANET iniziano a usare il Network Control Protocol (NCP), il primo protocollo per la comunicazione fra host.
[Fonte: Hobbes Internet Timeline]

1970-00-00. La AT&T installa la prima connessione transcontinentale negli USA, fra UCLA e BBN, a 56 kpbs.
[Fonte: Hobbes Internet Timeline]

1970-00-00. Viene fondato il centro di ricerca e sviluppo Palo Alto Research Center (PARC) presso lo Stanford University Industrial Park di Palo Alto, California. Da qui scaturiranno le interfacce grafiche, il mouse e molte altre grandi innovazioni.
[Fonte: PC User's Pocket Dictionary - Second Edition, Peter Dyson, 1995]

1970-07-00. Diventa attiva Alohanet, la prima rete senza fili a commutazione di pacchetti (packet radio network), sviluppata da Norman Abramson alla University of Hawaii. Verrà collegata ad ARPANET nel 1972.
[Fonte: Hobbes Internet Timeline]
1971

1971-00-00. IBM introduce le memorie a semiconduttori.
[Fonte: Manabile di Informatica, 1984]

1971-00-00. Inizia quella che viene considerata la quarta generazione di computer, caratterizzata da circuiti altamente integrati, ridotta manutenzione, bassi costi e assemblaggio automatico.
[Fonte: Manabile di Informatica, 1984]

1971-10-00. Ray Tomlinson invia quello che gli esperti considerano il primo vero e-mail su Internet (anche se la rete non ha ancora questo nome). Tomlinson lavora alla Bolt Beranek & Newman, di Cambridge, Massachusetts, e sta giocherellando con SNDMSG, un programma che consente lo scambio di messaggi fra utenti dello stesso computer. Crea un metodo per scambiare file fra computer distinti, e successivamente migliora il metodo in modo da poter consentire anche l'invio di messaggi. Risale quindi a questo periodo il primo scambio di e-mail. Tomlinson non ricorda il contenuto del fatidico primo messaggio, perché non riteneva che si trattasse di un evento particolarmente importante.
[Fonte: Fortune, 25 giugno 2001; la data di ottobre è indicata da Focus 07/2002]

1971-00-00. Alan Shugart di IBM produce il dischetto floppy da 8 pollici.
[Fonte: PC Review, aprile 1997, p. 30]

1971-00-00. Il giornalista Don Hoefler conia il termine Silicon Valley.
[Fonte: Fortune, 9 ottobre 2000]

1971-00-00. Marcian E. Hoff, Jr., tecnico della Intel Corporation, inventa il microprocessore.
[Fonte: Grolier Multimedia Encyclopedia; in contrasto con altre fonti che fanno risalire l'invenzione al 1969]
1972

1972-03-00. Nasce la chiocciolina. Sono in corso i primi esperimenti di invio di messaggi via Internet: l'e-mail non era prevista come funzione primaria della Rete; non ci aveva pensato nessuno dei fondatori, perché la Rete era nata per collegare fra loro i computer, non le persone. L'e-mail è stata introdotta quasi per sbaglio, nei ritagli di tempo. Bisogna scegliere un carattere che, nell'indirizzo di un utente, separi il nome dell'utente dal nome del computer presso il quale risiede. Ray Tomlinson, della Bolt, Beranek e Newman, seduto davanti alla sua telescrivente, nota la chiocciolina (che su quel modello, una Model 33, è sopra il 2). La chiocciolina in inglese si chiama "At", che significa "presso", e a Ray viene spontaneo pensare che sarebbe carino se gli indirizzi di e-mail fossero del tipo "utente presso computer", che in inglese è appunto "user AT computer".
Ed è per questo che gli indirizzi di e-mail usano la chiocciolina.
[Fonte: BBC TV; Hobbes Internet Timeline]

1972-00-00. Seymour Cray fonda la Cray Research, Inc.
[Fonte: PC User's Pocket Dictionary - Second Edition, Peter Dyson, 1995]

1972-00-00. Viene presentato il MITS 816, il primo microcomputer digitale per uso personale. Non ha né tastiera né schermo.
MITS sta per Micro Instrumentation and Telemetry Systems, una piccola azienda specializzata in elettronica.
[Fonte: Grolier Multimedia Encyclopedia; PC User's Pocket Dictionary - Second Edition, Peter Dyson, 1995; PC Review, aprile 1997, p. 30]

1972-05-00. La Magnavox (filiale americana della Philips) e la Atari iniziano la vendita delle prime console per videogiochi per uso domestico negli USA. L'Odyssey 1TL200, progettato da Ralph H. Baer, Bill Rush e Bill Harrison, viene venduto in circa centomila esemplari nel corso dell'anno.
Per giocare con l'Odyssey si devono applicare al televisore delle pellicole trasparenti colorate che fanno da sfondo per i dodici giochi disponibili. E' disponibile anche un "fucile" elettronico per giocare al tiro a segno (bisogna colpire il bersaglio che si muove sullo schermo).
L'Odyssey non ha microprocessori e non ha memoria: è interamente analogico. Gli unici semiconduttori sono circa 40 diodi e 40 transistor. Le "cartucce" che contengono i vari giochi sono semplicemente una configurazione di ponticelli (jumper).
[Fonte: Pong-story.com]

schermata di pong1972-05-29 (o 24). Nolan Bushnell, di lì a poco fondatore della Atari, prova la console per videogiochi Odyssey presso l'Airport Marina Hotel di Burlingame, California. Dalla sua prova nasce l'idea di sviluppare una versione "coin-op" del gioco: il famosissimo Pong.
[Fonte: Pong-story.com, che cita due date diverse per questo avvenimento]

1972-06-27. Nolan Bushnell fonda la Atari e insieme ad Al Alcom (suo primo dipendente) realizza una versione "coin-op" (da sala giochi) di un gioco che si chiamerà Pong per via del suono emesso dal gioco quando si colpisce la pallina (quadrata) e perché Ping-pong è un marchio registrato.
Poco dopo, la Magnavox fa causa ad Atari per violazione del copyright e vince, per cui Atari deve pagare 700.000 dollari (del 1972) come royalty a Magnavox. E' la prima causa legale nella storia dei videogiochi.
[Fonte: Pong-story.com]

1972-00-00. Viene pubblicata la RFC 318, che specifica il funzionamento del comando telnet.
[Fonte: Hobbes Internet Timeline]
1973

1973-00-00. ARPAnet attiva i primi due host in Europa: University College di Londra in Inghilterra e Royal Radar Establishment in Norvegia.
[Fonti: Storia di Internet a cura di Stefano Manetti; Hobbes Internet Timeline]

1973-00-00. La SIP lancia l'RTMI, il primo servizio di telefonia radiomobile in Italia. La copertura si estende a quasi tutto il territorio del paese e consente chiamate dirette dall'utente radiomobile alla rete fissa, ma occorre passare dall'operatore per chiamare un telefono mobile dalla rete fissa.
[Fonte: Venus.it]

1973-00-00. Robert Metcalfe dello Xerox PARC presenta, come tesi di dottorato, le idee di base di Ethernet, l'elemento fondamentale per la realizzazione delle reti locali. Le idee vengono adottate per i computer Alto del PAEC e la prima rete Ethernet viene battezzata Alto Aloha System (maggio 1973).
[Fonte: PC Review, aprile 1997, p. 30; Hobbes Internet Timeline]

1973-00-00. Vinton Cerf crea il protocollo TCP/IP.
[Fonte: Storia di Internet a cura di Stefano Manetti]

1973-03-00. Vinton Cerf schizza sul retro di una busta, nella lobby di un albergo di San Francisco, l’architettura dei gateway.
[Fonte: Hobbes Internet Timeline]

1973-00-00. Gli utenti stimati di ARPANET sono circa 2000. Uno studio dell’ARPA rivela che il 75% del traffico di ARPANET è costituito da e-mail.
[Fonte: Hobbes Internet Timeline]
1974

1974-00-00. La Bolt, Beranek & Newman (BBN) apre Telenet, il primo host commerciale su ARPAnet.
[Fonte: Storia di Internet a cura di Stefano Manetti]

1974-00-00. Nasce il linguaggio C, sviluppato presso i Bell Telephone Laboratories da Dennis Ritchie.
[Fonte: Manabile di Informatica, 1984]

1974-04-00. Intel rilascia il processore 8080 a 8 bit. Contiene l'equivalente di 6000 transistor ed è in grado di svolgere 0,64 milioni di istruzioni al secondo.
[Fonte: PC User's Pocket Dictionary - Second Edition, Peter Dyson, 1995]

1974-00-00. Vinton Cerf e Bob Kahn usano per la prima volta la parola Internet, in un documento riguardante il Transmission Control Protocol (TCP).
[Fonte: Ucdavis.edu]
1975

altair 88001975-01-00. Il numero di gennaio di Popular Electronics recensisce il MITS Altair 8800, il primo personal computer ad avere un successo commerciale di massa. Usa il processore 8080 di Intel, riceve input tramite una serie di interruttori sul pannello anteriore e visualizza l'output tramite una fila di LED. A poco meno di 400 dollari (375 secondo alcune fonti, 399 in kit di montaggio secondo altre), l'Altair offre 256 byte di memoria (avete letto bene) ed è privo di monitor e tastiera.
L'articolo di recensione di Popular Electronics è la molla che spinge un certo Bill Gates a lasciare Harvard per fondare la Micro-soft insieme al socio Paul Allen. Gates e Allen scrivono il loro primo prodotto per l'Altair: un compilatore BASIC, distribuito su nastro di carta.
Vengono venduti oltre 10.000 esemplari dell'Altair, quasi tutti come kit di montaggio, insieme all'interprete MBASIC, scritto sempre da Paul Allen e Bill Gates.
[Fonte: PC Review, aprile 1997, p. 30; Byte.com; Grolier Multimedia Encyclopedia; PC User's Pocket Dictionary - Second Edition, Peter Dyson, 1995; PC Review, aprile 1997, p. 30; Fortune, 22 novembre 1999, p. 74; l'immagine è tratta da Microsoft.com]

1975-00-00. Paul Allen e Bill Gates fondano la Micro-soft, poi ribattezzata Microsoft.
[Fonti: Microsoft.com; Time, 7 dicembre 1998, PC User's Pocket Dictionary - Second Edition, Peter Dyson, 1995, e pubblicità Microsoft su Fortune, dicembre 1999]

1975-09-00. Esce negli Stati Uniti il primo numero della rivista Byte.
[Fonte: Byte.com]

1975-00-00. La Zilog annuncia il processore Z80.
[Fonte: Byte.com]

1975-00-00. Steve Walker crea su ARPANET la prima mailing list: si chiama MsgGroup.
[Fonte: Hobbes Internet Timeline]
1976

1976-00-00. Il CCIITT pubblica lo standard X.25, che definisce la connessione tra un terminale e una rete a commutazione di pacchetti.
[Fonte: PC User's Pocket Dictionary - Second Edition, Peter Dyson, 1995]

1976-00-00. Alan Shugart presenta il floppy da 5,25": il drive costa 390 dollari.
[Fonte: Byte.com]

1976-03-26. La regina Elisabetta II d'Inghilterra invia il primo e-mail regale dal Royal Signals and Radar Establishment (RSRE) a Malvern.
[Fonti: Fortune, 9 ottobre 2000; Hobbes Internet Timeline]

1976-00-00. Steve Wozniak e Steve Jobs creano, negli Stati Uniti, quello che molti considerano il vero primo personal computer. Lo chiamano Apple I. E' basato sul processore 6502.
[Fonte: Corriere della Sera, 22/11/1999, p. 3; Byte.com]

1976-02-03. Negli Stati Uniti, la newsletter degli utilizzatori di Altair (uno dei primissimi personal computer) pubblica una lettera di Bill Gates che rifiuta il concetto del software gratuito e libero, che all'epoca era molto diffuso. Eccone la traduzione e l'originale.

LETTERA APERTA AGLI HOBBISTI(1)

di William Henry Gates III

3 febbraio 1976

Secondo me, la cosa più critica nel mercato hobbistico, in questo preciso momento, è la mancanza di corsi e libri di software validi e di software di qualità. Senza software di qualità e un proprietario che s'intenda di programmazione, un computer hobbistico è sprecato. Ma verrà mai scritto del software di qualità per il mercato hobbistico?

Quasi un anno fa, Paul Allen e io, prevedendo un'espansione del mercato hobbistico, abbiamo assunto Monte Davidoff e abbiamo sviluppato l'Altair BASIC. Anche se il lavoro iniziale ci ha richiesto soltanto due mesi, noi tre abbiamo trascorso la maggior parte dell'anno scorso a documentare, migliorare e aggiungere funzioni al BASIC. Ora abbiamo il BASIC 4K, 8K, EXTENDED, ROM e DISK. Il valore del tempo-macchina che abbiamo utilizzato supera i 40.000 dollari.

Le reazioni che abbiamo avuto dalle centinaia di persone che dicono di usare il BASIC sono state tutte positive. Tuttavia sono evidenti due fatti sorprendenti: 1) la maggior parte di questi "utenti" non ha mai acquistato il BASIC (meno del 10% di tutti gli utenti Altair ha acquistato il BASIC); 2) se si considera l'ammontare delle royalty risultanti dalle vendite agli hobbisti, il tempo che abbiamo dedicato all'Altair BASIC vale meno di due dollari l'ora.

Come mai? Come la maggior parte degli hobbisti non può non sapere, la maggioranza di voi ruba il software che usa. L'hardware va pagato, ma il software è una cosa da condividere. A chi importa se la gente che ci ha lavorato viene pagata?

È giusto tutto questo? Una cosa che di certo non riuscite a fare rubando il software è vendicarvi della MITS per qualche problema che avete forse incontrato. La MITS non guadagna dalla vendita di software. La royalty pagata a noi, il manuale, il nastro e i costi amministrativi la rendono un'operazione che chiude in pareggio. Una cosa che invece riuscite a fare è impedire che venga scritto del buon software. Chi può permettersi di svolgere gratuitamente un lavoro di qualità professionale? Quale hobbista può dedicare 3 anni-uomo alla programmazione, al debug, alla documentazione del prodotto e poi distribuirlo gratis? Il fatto è che nessuno, a parte noi, ha investito molto denaro nel software hobbistico. Abbiamo scritto il BASIC 6800 e stiamo scrivendo l'APL 8080 e l'APL 6800, ma l'incentivo a rendere disponibile agli hobbisti questo software è molto scarso. Per dirla esplicitamente, quello che voi commettete è un furto.

E che dire dei signori che rivendono l'Altair BASIC? Non stanno forse lucrando sul software per hobbisti? Certamente, ma coloro che ci sono stati segnalati alla fine ci potrebbero rimettere. Sono costoro che danno una brutta nomea agli hobbisti e dovrebbero essere cacciati a pedate da qualsiasi raduno di club al quale si presentano.

Sarei lieto di ricevere lettere da chiunque voglia pagare il dovuto o abbia suggerimenti o commenti da fare. Scrivetemi all'1180 di Alvarado SE, #114, Albuquerque, New Mexico, 87108. Nulla mi farebbe più piacere che essere in grado di assumere dieci programmatori e inondare il mercato hobbistico di buon software.

Bill Gates

Socio accomandatario, Micro-Soft

In originale:

AN OPEN LETTER TO HOBBYISTS

By William Henry Gates III

February 3, 1976

To me, the most critical thing in the hobby market right now is the lack of good software courses, books and software itself. Without good software and an owner who understands programming, a hobby computer is wasted. Will quality software be written for the hobby market?

Almost a year ago, Paul Allen and myself, expecting the hobby market to expand, hired Monte Davidoff and developed Altair BASIC. Though the initial work took only two months, the three of us have spent most of the last year documenting, improving and adding features to BASIC. Now we have 4K, 8K, EXTENDED, ROM and DISK BASIC. The value of the computer time we have used exceeds $40,000.

The feedback we have gotten from the hundreds of people who say they are using BASIC has all been positive. Two surprising things are apparent, however, 1) Most of these "users" never bought BASIC (less than 10% of all Altair owners have bought BASIC), and 2) The amount of royalties we have received from sales to hobbyists makes the time spent on Altair BASIC worth less than $2 an hour.

Why is this? As the majority of hobbyists must be aware, most of you steal your software. Hardware must be paid for, but software is something to share. Who cares if the people who worked on it get paid?

Is this fair? One thing you don't do by stealing software is get back at MITS for some problem you may have had. MITS doesn't make money selling software. The royalty paid to us, the manual, the tape and the overhead make it a break-even operation. One thing you do do is prevent good software from being written. Who can afford to do professional work for nothing? What hobbyist can put 3-man years into programming, finding all bugs, documenting his product and distribute for free? The fact is, no one besides us has invested a lot of money in hobby software. We have written 6800 BASIC, and are writing 8080 APL and 6800 APL, but there is very little incentive to make this software available to hobbyists. Most directly, the thing you do is theft.

What about the guys who re-sell Altair BASIC, aren't they making money on hobby software? Yes, but those who have been reported to us may lose in the end. They are the ones who give hobbyists a bad name, and should be kicked out of any club meeting they show up at.

I would appreciate letters from any one who wants to pay up, or has a suggestion or comment. Just write to me at 1180 Alvarado SE, #114, Albuquerque, New Mexico, 87108. Nothing would please me more than being able to hire ten programmers and deluge the hobby market with good software.

Bill Gates

General Partner, Micro-Soft

[Fonti: (1) Episodio citato in "Alla sorgente del software libero", Corriere Multimedia, 15/2/1999. Non mi è stato possibile reperire il testo direttamente dalla fonte originale, per cui è possibile che vi sia qualche errore: se ne scoprite, segnalatemeli. La versione pubblicata qui è quella circolante su Internet e verificata con controllo incrociato fra varie fonti. La traduzione è opera mia.
Prima che me lo chiediate, ebbene sì, all'epoca Microsoft si scriveva con il trattino. E riconosco che anch'io, a diciannove anni, ho detto e scritto cose anche più avventate di queste. Ma siccome ho avuto il buon gusto di non diventare fantastiliardario, nessuno me le rinfaccia.
Un'osservazione interessante, riguardo ai 40.000 dollari di tempo-macchina utilizzato, è che Bill Gates si ritirò da Harvard proprio in seguito a una disputa in cui era accusato di aver sfruttato i computer dell'università per scopi commerciali personali, come raccontato presso Boston.com.]

1976-04-01. Steve Wozniak e Steve Jobs fondano la Apple Computer Inc.
[Fonte: PC User's Pocket Dictionary - Second Edition, Peter Dyson, 1995]

1976-00-00. I Bell Labs della AT&T sviluppano UUCP (Unix-to-Unix CoPy).
[Fonte: Hobbes Internet Timeline]
1977

1977-00-00. Kenneth Olson, fondatore della Digital Equipment, pronuncia la storica frase "Ma che bisogno avrebbe una persona di tenersi un computer in casa?"
[Fonte: Corriere della Sera, 20/1/01, e Eh.net]

1977-00-00. La Ohio Scientific Instruments mette in vendita il primo microcomputer che contiene in ROM il BASIC a virgola mobile della Microsoft.
[Fonte: Byte.com]

1977-00-00. Gary Kildall sviluppa il CP/M, il sistema operativo utilizzato dalla prima generazione di veri personal computer.
[Fonte: Byte.com]

1977-06-00. Alla National Computer Conference di Dallas viene presentato il Commodore PET 2001, primo personal computer commercializzato su larga scala al prezzo di 495 dollari.
[Fonte: Manabile di Informatica, 1984]

1977-08-03. La Radio Shack annuncia il TRS-80.
[Fonte: Manabile di Informatica, 1984]

1977-00-00. La Apple Computer Inc. presenta l'Apple II. E' un personal computer con architettura aperta, che stimola altri fabbricanti a produrre componenti aggiuntivi per espanderne le prestazioni. Ha 4 kilobyte di RAM e costa 1300 dollari.
[Fonte: PC User's Pocket Dictionary - Second Edition, Peter Dyson, 1995; Manabile di Informatica, 1984]

1977-00-00. Viene pubblicata la RFC 733, che specifica la struttura dell’e-mail.
[Fonti: Hobbes Internet Timeline; la RFC 733 è disponibile presso Faqs.org]
1978

1978-05-03. Viene inviato il primo e-mail classificabile come spam. Gary Thuerk, un venditore della DEC (un grosso calibro dell'informatica dell'epoca, successivamente assorbito da HP) invia indiscriminatamente a tutti gli utenti di Arpanet, una delle reti da cui poi nascerà Internet, l'invito a partecipare alla presentazione del nuovo computer della sua azienda.
E' il primo caso di disseminazione a tappeto di un annuncio commerciale tramite posta elettronica. La reazione della comunità della Rete non si fa attendere: un coro di proteste quasi unanime, con l'eccezione di un giovane Richard Stallman, che inizialmente non capisce perché ci si scaldi tanto. E' comunque un episodio isolato, dato che all'epoca Arpanet ha un regolamento ufficiale (acceptable use policy) che ne vieta assolutamente l'uso commerciale.
[Fonte: Templetons.com, maggio 2003]

1978-00-00. La Sony presenta il videoregistratore Betamax.
[Fonte:
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


1978-00-00. La Atari presenta l'Atari 800: 8 K di RAM, espandibili a 48, con un sottosistema grafico fra i migliori dell'epoca. Prezzo: 1000 dollari.
[Fonte:
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


1978-00-00. Dal Giappone arriva Space Invaders, un videogioco che ha immediatamente un successo planetario.
[Fonte: TV inglese]

1978-00-00. Herman Zapf, disegnatore di caratteri tipografici, sviluppa il font Zapf Dingbats.
[Fonte: PC User's Pocket Dictionary - Second Edition, Peter Dyson, 1995]

1978-00-00. Nasce ad opera di Ward Christensen (lo stesso del protocollo Xmodem) CBBS, il primo BBS al mondo. Il suo numero di accesso è 001-312-545.8086. Offre soltanto scambio di messaggi: niente download di file.
[Fonte: Il modem per tutti, Paolo Attivissimo (Apogeo), 1994, e Eff.org]

1978-00-00. Un hobbista di Chicago, Ward Christensen, scrive un programma chiamato MODEM (modulator-demodulator), un protocollo di comunicazione via modem che consente il trasferimento di file senza errori attraverso il filo del telefono da un computer a un altro. In seguito diventerà diffusissimo e sarà noto anche come Xmodem o "Christensen protocol".
[Fonte: Fortune, 9 ottobre 2000, e Eff.org]

1978-00-00. Viene distribuito Visicalc, il primo spreadsheet. E' anche la prima killer application: quella che convince persone altrimenti non interessate che il
 
 MessaggioInviato: Ven Ago 03, 02:44:32 Adv
Messaggio
  Adv









Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum » Criticamente

Pagina 1 di 1
Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora

Mostra prima i messaggi di:

  

Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Puoi segnalare post ai moderatori in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum


Agire


Amici...di... topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2009
Macinscott 2 by Scott Stubblefield