Back to the index page  
  FAQ   Cerca   Lista degli utenti   Gruppi utenti   Calendario   Registrati   Pannello Utente   Messaggi Privati   Login 
  »Portale  »Blog  »Album  »Guestbook  »FlashChat  »Statistiche  »Links
 »Downloads  »Commenti karma  »TopList  »Topics recenti  »Vota Forum

I primi 30 anni dell'MS-DOS
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno


 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Archivio
  PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
 
 MessaggioInviato: Ven Lug 29, 13:33:21  I primi 30 anni dell'MS-DOS
Descrizione:
Rispondi citando
Messaggio
  mammina

Ospite
















I primi 30 anni dell'MS-DOS

Storico compleanno dell'altrettanto storico sistema operativo dei PC IBM e compatibili. Microsoft acquistò l'OS originale per pochi spiccioli e lo trasformò nelle fondamenta del suo impero
I primi 30 anni dell'MS-DOSRoma - Il 27 luglio 2011 segna il trentesimo anniversario di un momento fondamentale nella storia dell'informatica e dei sistemi operativi: in quella data una giovane Microsoft si assicurò i diritti di sfruttamento di QDOS, OS scritto da Tim Paterson e commercializzato da Seattle Computer Products, dando il via alla conquista del mercato dell'allora nascente Personal Computer.

L'affare Q-DOS (Quick and Dirty Operating System, anche noto come 86-DOS) costò a Gates e soci un totale di 75mila dollari, e si rese necessario per l'impossibilità di Microsoft di fornire in tempi brevi un sistema operativo a 16-bit capace di funzionare sui primi PC IBM basati su processore Intel 8086.

La prima versione di MS-DOS venne commercializzata nel 1982, e Microsoft fu parecchio accorta nel non cedere i diritti esclusivi del "suo" OS (personalizzato sulle esigenze di IBM a partire dal codice originale di Paterson) a Big Blue: quella decisione si misura nel valore attuale di una multinazionale del software che fattura quasi 70 miliardi di dollari e dà lavoro a 89mila impiegati in tutto il mondo.


Storico compleanno dell'altrettanto storico sistema operativo dei PC IBM e compatibili. Microsoft acquistò l'OS originale per pochi spiccioli e lo trasformò nelle fondamenta del suo impero
I primi 30 anni dell'MS-DOSRoma - Il 27 luglio 2011 segna il trentesimo anniversario di un momento fondamentale nella storia dell'informatica e dei sistemi operativi: in quella data una giovane Microsoft si assicurò i diritti di sfruttamento di QDOS, OS scritto da Tim Paterson e commercializzato da Seattle Computer Products, dando il via alla conquista del mercato dell'allora nascente Personal Computer.

L'affare Q-DOS (Quick and Dirty Operating System, anche noto come 86-DOS) costò a Gates e soci un totale di 75mila dollari, e si rese necessario per l'impossibilità di Microsoft di fornire in tempi brevi un sistema operativo a 16-bit capace di funzionare sui primi PC IBM basati su processore Intel 8086.

La prima versione di MS-DOS venne commercializzata nel 1982, e Microsoft fu parecchio accorta nel non cedere i diritti esclusivi del "suo" OS (personalizzato sulle esigenze di IBM a partire dal codice originale di Paterson) a Big Blue: quella decisione si misura nel valore attuale di una multinazionale del software che fattura quasi 70 miliardi di dollari e dà lavoro a 89mila impiegati in tutto il mondo.

Compagno imprescindibile degli appassionati di informatica personale negli anni '80 e nei primi '90, il sistema operativo che ha popolarizzato le poche gioie e i molti dolori dell'interfaccia testuale a riga di comando è caduto nel dimenticatoio dopo l'avvento di Windows (95) e la sua affermazione come OS a interfaccia grafica predominante nel mercato PC.

Lungi dall'essere solo un semplice ricordo di vecchi utenti ancora adusi alla shell testuale che tutt'oggi sopravvive nelle ultime iterazioni di Windows, l'MS-DOS ha avuto (tra i tanti) il pregio storico di essere una componente essenziale del mercato videoludico per PC in un periodo di fondamentale importanza creativa e culturale.

Il DOS è morto, lunga vita al DOS: la community open source ancora prova a emulare (e migliorare) la tecnologia a interfaccia di comandi di MS-DOS con FreeDOS, mentre il pluripremiato progetto DOSBox ("un emulatore x86 con il DOS") permette a publisher e servizi di digital delivery videoludico (GOG.com, Steam e altri) di rimettere in commercio i titoli classici con la garanzia della piena compatibilità con i sistemi operativi più recenti.




Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
 
 MessaggioInviato: Ven Lug 29, 13:33:21 Adv
Messaggio
  Adv









Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum » Archivio

Pagina 1 di 1
Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora

Mostra prima i messaggi di:

  

Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum


Agire


Amici...di... topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2009
Macinscott 2 by Scott Stubblefield