Back to the index page  
  FAQ   Cerca   Lista degli utenti   Gruppi utenti   Calendario   Registrati   Pannello Utente   Messaggi Privati   Login 
  »Portale  »Blog  »Album  »Guestbook  »FlashChat  »Statistiche  »Links
 »Downloads  »Commenti karma  »TopList  »Topics recenti  »Vota Forum

Italiani sempre più impoveriti “Con l’aumento dell’Iva
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno


 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Senzavanzi -> Il Salvadanaio
  PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
 
 MessaggioInviato: Ven Set 30, 13:28:18  Italiani sempre più impoveriti “Con l’aumento dell’Iva
Descrizione:
Rispondi citando
Messaggio
  nuvolotta

Site Admin


Admin

Sesso: Sesso:Femmina
Età: 57
Registrato: 01/12/05 18:04
Messaggi: 35406
nuvolotta is offline 




Sito web: http://www.nuvolotta.a...


NULL

Italiani sempre più impoveriti
“Con l’aumento dell’Iva difficoltà in aumento”

Presentato il Rapporto Coop 2011 su consumi e distribuzione. Nella spesa si risparmia su alimentari, ma anche su auto, arredi, tecnologia e elettrodomestici. Crescono i prodotti base (come olio e latte) e aumenta il nomadismo alla ricerca dello sconto. Ancc-Coop: "Un errore l’aumento dell’Iva"

L’80% delle famiglie italiane è convinta di vivere al di sotto o sul limite di uno standard appena accettabile. Così è sempre più frequente il ricorso ai risparmi, cui si attinge per finanziare il consumo corrente. Questo perché negli ultimi 10 anni il potere d’acquisto degli italiani è calato del 7% , senza considerare che gli effetti della manovra di Ferragosto – in particolare l’aumento dell’Iva - peggioreranno ulteriormente la situazione.

Lo rileva il Rapporto Coop 2011 “Consumi e distribuzione” redatto dall’ Ufficio Studi di Ancc-Coop (Associazione Nazionale Cooperative di Consumatori) con la collaborazione scientifica di Ref. (Ricerche per l’Economia e la Finanza) e supporto d’analisi di Nielsen.Il Rapporto, illustrato da Enrico Migliavacca,vicepresidente vicario Ancc-Coop, fotografa lo stato di salute dei consumi nel nostro Paese inserito in un contesto europeo e internazionale e fornisce previsioni ragionate per il triennio 2011-2013. “Ogni punto di Iva in più – si legge nella nota stampa sulla presentazione del rapporto – pesa 7 miliardi sui minori consumi annuali. L’aumento al 21% va a intaccare settori già fortemente penalizzati (l’abbigliamento nel primo semestre 2011 fa segnare un -8%, il bazar sfiora il -6%, il multimediale sfiora il -15%). I consumi sono il volano della ripresa economica e ogni ulteriore manovra sul versante Iva sarebbe ancora più disastrosa. Il rischio è riportare la spesa delle famiglie a livelli ancora più bassi dei minimi toccati nel 2009”.

Il Rapporto indaga dunque sulle strategie di sopravvivenza delle famiglie italiane sacrificano i consumi no-food (auto, arredo casa, multimedia, elettrodomestici e abbigliamento), ma tagliano anche gli alimentari e modificano il carrello della spesa dove tornano a crescere i prodotti di base (olio d’oliva, latte uht, tonno in scatola). Crescono il carrello etnico e il pronto (a elevato livello di servizio), ma perdono forza i carrelli salute e lusso.

Meno formiche sui risparmi ma anche meno cicale sui consumi, gli italiani dunque si dimostrano sempre più sobri (più consumi in ambito domestico), più abili (cercano promozioni, prediligono il supermercato ma fiutano nuovi formati di spesa come i discount e gli specialisti ****), più nomadi (il 35% vaga da un punto vendita all’altro) e soprattutto sempre più pessimisti (il 42% dichiara peggiorate le proprie prospettive di lavoro, un anno fa era il 23%). Unica nota positiva la rinnovata attenzione agli sprechi: si rivolgono a confezioni più piccole, riempiono meno il frigo di cibi freschi (meno carne, pesce, ortofrutta) acquistano di meno acqua minerale e detersivi, più sacchetti per la spazzatura e meno stoviglie di plastica (-10%). Ancc-Coop alla luce della realtà rilevata da Rapporto, critica la manovra del Governo: “Ciò che non si fa è puntare a misure economiche che stimolino la crescita, l’unica via per alleviare un percorso inevitabile di recessione. Il rigore nei conti pubblici è d’obbligo manon deve generare una depressione ulteriore sui consumi e sulla vita delle famiglie come già sta succedendo. Solo i settori liberalizzati sono alleati dei consumatori finali. E’ da qui che bisogna ripartire. Quello che occorrerebbe è un approccio non solo rivendicativo, ma anche propositivo del mondo delle imprese: per questo Coop si rivolge al mondo dell’industria e dell’agricoltura. Solo se lavoriamo su progetti comuni e di sistema possiamo affrontare la gravità della situazione a sostegno dei cittadini e consumatori”.

Fonte: Ancc-Coop

 
_________________
Una morbida nuvolotta.... di zucchero filato alla fragola e limone
Profilo Messaggio privato HomePage
 
 MessaggioInviato: Ven Set 30, 13:28:18 Adv
Messaggio
  Adv






Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum » Il Salvadanaio

Pagina 1 di 1
Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora

Mostra prima i messaggi di:

  

Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Puoi segnalare post ai moderatori in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum


Agire


Amici...di... topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2009
Macinscott 2 by Scott Stubblefield