Back to the index page  
  FAQ   Cerca   Lista degli utenti   Gruppi utenti   Calendario   Registrati   Pannello Utente   Messaggi Privati   Login 
  »Portale  »Blog  »Album  »Guestbook  »FlashChat  »Statistiche  »Links
 »Downloads  »Commenti karma  »TopList  »Topics recenti  »Vota Forum

Evasori e c. I miliardi mancanti nel paese "senza ricch
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno


 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Spilli ed appunti
  PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
 
 MessaggioInviato: Dom Nov 20, 22:14:10  Evasori e c. I miliardi mancanti nel paese "senza ricch
Descrizione:
Rispondi citando
Messaggio
  nuvolotta

Site Admin


Admin

Sesso: Sesso:Femmina
Età: 58
Registrato: 01/12/05 18:04
Messaggi: 37521
nuvolotta is offline 




Sito web: http://www.nuvolotta.a...


NULL

Evasori e c.
I miliardi mancanti nel paese "senza ricchi"

Sperando di non far venire l’ulcera a chi le tasse le paga regolarmente (né volendo far discorsi che generalizzano le responsabilità in maniera troppo sbrigativa) stavolta è proprio di tasse e soprattutto di evasione fiscale che vorremmo parlare. Non che il tema sia inedito. Tutt’altro: ci confermiamo come il paese dove l’evasione complessiva continua a viaggiare a cifre record oltre i 100 miliardi annui, dove intere categorie professionali dichiarano redditi davvero da fame, dove solo lo 0,95% della popolazione ha un reddito oltre i 100 mila euro e dove, secondo lo stesso Ministero dell’economia, facendo la media, per ognuno dei circa 42 milioni di contribuenti italiani, ci sono 2.093 euro di redditi non dichiarati. E, nonostante promesse e giuramenti del governo, i condoni, anche in queste settimane, rispuntano inesorabili come possibili disperate soluzioni per far cassa (al momento in cui scriviamo i contenuti del Decerto sviluppo, in cui il condono potrebbe essere inserito, non sono ancora noti ndr).
Qualcuno dirà: niente di nuovo. Esatto, ma dato che arrendersi alle cattive abitudini (di qualcun altro) non fa mai piacere, specie in tempi di crisi assai pesante, il problema torna d’attualità. Questo anche perché buona parte dei destini della manovra varata a fine estate sono legati ai successi nella lotta all’evasione fiscale. Cioè se si recuperano soldi da lì bene, altrimenti tutti quanti dovremo rimettere mano al portafoglio.
Con scarsa credibilità, dopo anni di un approccio al problema che ha più volte strizzato l’occhio a chi si riteneva in diritto di non pagare il fisco, ora il governo annuncia che farà la faccia dura e si metterà in caccia. Peccato che mentre gli spot radio e tv additano al pubblico disprezzo l’evasore-parassita, come detto, si riparla di condoni.
Ma partiamo dalle cifre. Secondo le stime proposte dall’Associazione contribuenti italiani (sulla base di dati elaborati dalla Krls Network of business ethics), nel 2010 l’evasione fiscale in Italia è cresciuta del 13,1%, raggiungendo l’astronomico volume complessivo di 180,3 miliardi di euro, pari al 51,1% di imposte sottratte all’erario. Una montagna fatta di almeno cinque strati.
Si parte dall’economia criminale, che vede mafia e camorra affiancate da gruppi stranieri sempre più presenti anche nelle ricche regioni del nord. E qui, secondo la stima, siamo a 78,2 miliardi di evasione.
Poi c’è il fenomeno dell’economia sommersa, con un esercito di lavoratori in nero aumentato per colpa della crisi, in cui ai tanti stranieri si mescolano anche sempre più italiani. Anche perché si stima siano 850 mila le persone che pur avendo un posto fisso svolgono una seconda attività. Totale, l’economia sommersa produce un buco per l’erario di altri 34,3 miliardi di euro.
La terza voce è rappresentata dalle imprese (escluse quelle di più grandi dimensioni). Secondo l’associazione dei contribuenti, il 78% di queste aziende dichiara redditi negativi o comunque meno di 10 mila euro. E da qui arriva un ulteriore danno di 22,4 miliardi. Poi ci sono le big company, che in molti casi hanno chiuso con conti in rosso. O mirano a spostare la tassazione su società satellite da loro controllate, magari operanti in altri paesi fiscalmente più "morbidi". E qui il mancato incasso per l’erario nostrano è di altri 37,2 miliardi.
Buoni ultimi sono poi i lavoratori autonomi o i commercianti che non emettono scontrini, ricevute e fatture. E sono gli ultimi 8,2 miliardi di euro che completano la nostra montagna.
Anche considerando questa stima complessiva da 180 miliardi come abbondante e ben sapendo che alcuni fenomeni non si cancellano certo in pochi mesi, è del tutto evidente che ampi margini per recuperare evasione ci sono.
Se infatti si guarda al problema partendo dai redditi dichiarati, scoprire che in Italia il peso di quanto pagano, sul totale delle imposte riscosse, gli imprenditori è sceso dal 13,2% del 1993 al 5% del 2007 e quello dei liberi professionisti dal 7,6% (sempre del 1993) al 4,2%, fa urlare allo scandalo.
Sembra un’Italia rovesciata rispetto alla realtà. In decenni in cui salariati e pensionati hanno visto erodere il proprio reddito reale, sono proprio loro che finiscono col pagare sempre più tasse. Mentre quelle categorie dove è immaginabile sia finita gran parte di quella ricchezza originata dalle rendite finanziarie e patrimoniali (un fenomeno che ha segnato gli ultimi vent’anni), sono riuscite a ridimensionarsi se non a svanire davanti agli occhi del fisco. Per chi avesse dubbi citiamo uno studio di Bankitalia: "la ricchezza media di un lavoratore dipendente è 122 mila euro, quella di un lavoratore autonomo, imprenditore o libero professionista è 290 mila euro".
Del resto, sembra quasi surreale, non tanto (ri)scoprire che in Italia il reddito medio complessivo su 42 milioni di contribuenti è di 19.030 euro (basta pensare che il 50% delle pensioni erogate dall’Inps è inferiore ai 1.000 euro al mese), ma vedere che, tra i neanche 400 mila che dichiarano più di 100 mila euro, i lavoratori dipendenti e i pensionati sono la grande maggioranza, mentre i lavoratori autonomi sono solo il 20% e gli imprenditori appena il 5%.
Un’idea più precisa di queste "stranezze" viene guardando le annuali classifiche di reddito per tipologia professionale. In testa (sui redditi del 2009) stanno i notai (che superano i 400 mila euro), seguiti dai farmacisti (con 126 mila). Scendendo si trovano gli avvocati (49 mila), i dentisti (45 mila) e poi giù sino a gioiellieri e orologiai (15.800), tassisti (13.600) e parrucchieri e barbieri (10.400). Basta dividere per 12 e vedere che reddito mensile ne vien fuori...



Dario Guidi
_________________
Una morbida nuvolotta.... di zucchero filato alla fragola e limone
Profilo Messaggio privato HomePage
 
 MessaggioInviato: Dom Nov 20, 22:14:10 Adv
Messaggio
  Adv









 
 MessaggioInviato: Dom Nov 20, 22:14:51  
Descrizione:
Rispondi citando
Messaggio
  nuvolotta

Site Admin


Admin

Sesso: Sesso:Femmina
Età: 58
Registrato: 01/12/05 18:04
Messaggi: 37521
nuvolotta is offline 




Sito web: http://www.nuvolotta.a...


NULL

La patrimoniale, se il miliardaio chiede di pagare
Obama, la "Buffett rule" e l'Italia. Aumenterà la tassazione per i più ricchi?

La questione non riguarda solo l’Italia, ma anzi ha avuto il suo apice negli Stati Uniti, dove prima Clinton e poi Bush hanno ridotto la tassazione per i redditi più alti in maniera considerevole (e scandalosa). E così, in tempi di crisi drammatica, a porre una questione prima di tutto di elementare giustizia, sono stati, in diversi casi, alcuni tra i più grandi multimiliardari, come Warren Buffett, uno degli uomini più ricchi d’America, che ha "semplicemente" chiesto di pagare almeno una aliquota pari a quella della sua segretaria.
Basta pensare che sui ricavi finanziari (all’origine di molti dei problemi che hanno originato la crisi di questi anni) esiste una ritenuta secca del 15%, contro il 35% di prelievo sui redditi da lavoro.
Così il presidente Usa, Barack Obama, ha rilanciato l’idea di una "tassa sui ricchi" (la "Buffett rule"), che, detta così, sembra una cosa dal vago sapore comunista, ma in realtà è solo il recepimento di quanto detto da Buffett, cioè avere, anche per i redditi più alti, un livello di tassazione pari a quello del lavoro dipendente, al 35%. Pure in Italia di introdurre una tassa patrimoniale si è iniziato a parlare. Anche qui, proprio alcuni tra quanti potrebbero essere "vittime" di una imposta di questo tipo, hanno sollevato il tema, sostenendo che sarebbe una misura di elementare equità chiedere un contributo maggiore a chi ha di più. Così a lanciare la proposta sono stati banchieri come Pietro Modiano o imprenditori come Luca Montezemolo.
E alla fine la patrimoniale è pure tra le proposte avanzate dal cartello delle associazioni economiche (Confindustria, Abi, Alleanza delle cooperative, Rete delle imprese). Ora non resta che vedere se questo vacillante governo avrà il coraggio di imboccare questa strada.


Per chi paga pressione fiscale record: siamo al 44%
L'Italia tra riforme e lotta all'evasione

In tema di fisco l’Italia è davvero terra di primati. Primati divergenti, ma primati. Perché se da un lato è ampiamente dimostrato come l’evasione trionfi, sull’altra faccia della stessa medaglia risalta però il fatto che, per quelli che pagano, le imposte siano tante. Per ammissione dello stesso Governo, con l’ultima manovra la pressione fiscale è destinata a crescere di un più di un punto, per arrivare al 43,7% sul Pil. L’esatto opposto di vecchi e mai applicati cavalli di battaglia di questa maggioranza, come il celebre slogan "meno tasse per tutti".
Anzi, secondo una indagine della Confesercenti, nel 2013 la pressione fiscale, sempre per colpa delle norme già adottate con la recente manovra, crescerà sino al 44,8% a causa dei tagli alle agevolazioni esistenti (detrazioni e deduzioni), che dovranno valere 20 miliardi. E 20 miliardi di agevolazioni in meno, sono 20 miliardi di tasse in più. Sempre secondo Confesercenti, se si considera l’Europa a 27, l’Italia è tra i 6 paesi dove la pressione fiscale tra 2000 e 2009 è cresciuta (di quasi 2 punti), mentre negli altri 21 è calata.
La graduatoria Ocse, aggiornata al 2010, dice che l’Italia, come pressione fiscale è al terzo posto assoluto, col 43,5% (sul Pil), dietro solo a Danimarca (48,2%) e Svezia (46,4%), dove però ben diversa è l’efficienza della macchina statale e la qualità dei servizi pubblici che il cittadino riceve in cambio.
Dunque è evidente che muoversi tra questi due corni del problema (evasione record e alto livello di tassazione) non è semplice. O meglio, rende evidente che lo sforzo, necessario e atteso, per colpire gli evasori in maniera efficace e sistematica, non esaurisce il problema. Una riforma fiscale complessiva, di cui da anni si parla, dovrebbe anche prevedere misure di semplificazione e riequilibrio delle aliquote. Peccato però che la Corte dei conti abbia già detto che il Disegno di legge governativo di riforma del fisco, il cui percorso di approvazione è ovviamente pieno di incognite, è senza copertura finanziaria.
Stando comunque sul piano della lotta all’evasione, tanto per citare due tra le cose più semplici che si potrebbero fare (oltre ovviamente all’attività di accertamento e contrasto svolta con crescente successo da Guardia di Finanza e Agenzia delle entrate), c’è la scelta di favorire il denaro elettronico e imporre la tracciabilità dei pagamenti.
Una cosa che l’attuale Governo ha reintrodotto controvoglia (il limite ora è 2.500 euro), dopo aver cancellato le misure già in vigore volute dal governo Prodi (che valsero al ministro Visco l’accusa di vampiro).
Ed è anche bene ricordare che il sistema di imprese (nel manifesto per l’Italia presentato a settembre) già propone che il limite per la tracciabilità e l’uso di contante sia abbassato a 500 euro. Altra cosa su cui molte voci chiedono di insistere è il cosiddetto "contrasto di interessi", cioè favorire quelle situazioni in cui ai cittadini è conveniente chiedere la fattura perché possono dedurre le spese sostenute. Esempi meritori in tal senso sono le detrazioni fiscali del 36% sulle ristrutturazioni edilizie e del 55% per interventi che migliorino l’efficienza energetica.
_________________
Una morbida nuvolotta.... di zucchero filato alla fragola e limone
Profilo Messaggio privato HomePage
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum » Spilli ed appunti

Pagina 1 di 1
Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora

Mostra prima i messaggi di:

  

Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Puoi segnalare post ai moderatori in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum


Agire


Amici...di... topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2009
Macinscott 2 by Scott Stubblefield