Back to the index page  
  FAQ   Cerca   Lista degli utenti   Gruppi utenti   Calendario   Registrati   Pannello Utente   Messaggi Privati   Login 
  »Portale  »Blog  »Album  »Guestbook  »FlashChat  »Statistiche  »Links
 »Downloads  »Commenti karma  »TopList  »Topics recenti  »Vota Forum

Le canzoni in Talian di Juvenal Dal Castel
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno


 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Storm and Moon Radio
  PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
 
 MessaggioInviato: Ven Lug 13, 00:36:48  Le canzoni in Talian di Juvenal Dal Castel
Descrizione:
Rispondi citando
Messaggio
  nuvolotta

Site Admin


Admin

Sesso: Sesso:Femmina
Età: 58
Registrato: 01/12/05 18:04
Messaggi: 37856
nuvolotta is offline 




Sito web: http://www.nuvolotta.a...


NULL

Sul Fogon
Juvenal Dal Castel

/: Ghe ze un fogon a legna, nte la casa de un talian,
Par brustolar la polenta e scaldarse su le man :/

Cara, vien darente a mi, qua dedrio del fogon.
Séntete zo in carega, cónteme su'n qualche stòria,
Che me piase ciacolar.
Porta qua'n bicier vin, so'invissià da picinin.
Tirem' fora i mandolini, parché i ze belche passai,
Impienimo su de patate, ntel forneto se cusina.
Assa el gato dormir rento, che stassera vien la brina.

Seremo su le finestre, que non vegna rento fredo.
Dame 'l sal, nantra sciantina. Ghe vol forsa par dresfar
Questi gnochi de farina
Su 'na legna de ocalito, che scalda la casa intiera.
E'l compare, sarà vera che'ol pròpio scampar via?
Se ciaparà gramo suito, tocarà tornar in drio.
Na dona compagna questa pol sercar, no'l cata mia.

Gh'emo in torno, i tosatei, drio che i fà el tema de casa.
Prima che bruse el soaio, quando casca zo na brasa
Caton su co'n strasso moio.
Atenti co la salera, che ghe ze àqua de boio.
No só se fao na fortaia, o se me rostisso 'n ovo.
Queste note cosi frede, gnente meio que un bon fogo,
Poi, de giorno, fora al vento, se scaldemo ntel laoro.


Parché, Bela Così?
Juvenal Dal Castel

Parché te fai, così bela?
Sol par assar el me cuor
Come 'na bomba a vapor
Che sgionfa de sàngoe me testa
Co' sti pensieri d'amor.

Co' sti cavei longhi e negri,
E tuto el corpo perfeto,
Vedo intra meso a'l to peto,
Um segno par 'aver rispeto:
El crocifìssio del Signor.

Vui far l'amor com ti, signorina!
Ancora ancoi me marido com ti, se te vui.

E quando sento la tua ose,
Tanto soave e così dolse,
Com parole afetuose,
Vedo, in fondo de to ànima,
Um fasso de grando splendor.


El Vien Dal Celo

Letra de Honorio Tonial
Mùsica de Juvenal DalCastel

Aleluia, Aleluia, Aleluia!
Scoltemo, Dei Àngeli, la bela sinfonia. Aleluia
Spetemo co l'anima in plena sintonia. Aleluia
/:Vien dal Celo? Vignarà de lassù!
I Canta in onor del Bambin, Del Bambin Gesù:/
I Canta in onor del Bambin, Del Bambin Gesù.

Ritornemo ala sità de Gerusalème,
Miraremo la Santa Grota de Betlème,
Ostaria dea Sacra Fameia:
Note de grìpia, ricamo de fien. Aleluia

Tanto bela, la Vèrgine Maria.
A San Giusepe la presensa convien.
Vien dal celo el miràcolo profondo
Vedaremo che el sarà el Salvator del mondo. Aleluia, Aleluia, Aleluia!
Scoltemo, Dei Àngeli, la bela sinfonia. Aleluia
Spetemo co l'anima in plena sintonia. Aleluia
Nadal! Nadal! La note eterna
Amicìssia dolce e fraterna
Dea nostra si cara entità
Al Mondo intiero la viaiarà e, eeeeee...
La lìngua dei nostri noni la ricorderà.
Aleluia, Aleluia, A le lu u u u u ui a.



Itàlia, Mama, Nona, Bisnona
Juvenal Dal Castel

Itàlia, Mama, Nona, Bisnona,
Gran' genitora de tuti i taliani del mondo.
Itàlia, Mama
Gran genitora de tuti i taliani del mondo.

Mama che speta pramosa el ritorno del fiol che dimora.
Te portemo anca noantri ntel cor
E gavemo par ti riverensa e amor.
Come capir questa voia de ritrovar
Questi posti andove non semo mai stati?

Par fin belche 'ver caminà le pianure e scalà to montagne.
Belche pestà sula sàbia ntel bagno del mar.

Son sicur che ala note, me ànima
Camina ntel sogno, trasportata in lontan
Sula nave del tempo e del spàssio
A sodisfar el bisogno de ritrovar
So mama de ieri, de ancoi e doman.



MAGNAR DE ORO - Juvenal Dal Castel

Dime de ndove vien questo magnar così bon! Così Bon!
Dime parché la ga questo color de oro! Color de oro!

Vien del laoro de noantri, taliani,
Del'arte e l'amor dele nostre mame.
/:Vien zo dei monti e de via dei piani
Mareli di Fiori, e verdi de rami
Pintai de colori ben brasiliani:/

Al fogo de legna, ala sera, la bóie in caliera: cià cia pun!
Suito, al taier, in formato de sol, la fà fum,!/:la fà fum:/

In siapa, 'a matina, và ben brustolada,
E vanti, se prega: un " ringràssio, Signor!
/:Nantra magnada, con formai e puina.
Com forsa de Stela, riun' la fameia:
La mama e'l pupà, in tola, coi fioi:/

Andemo in colònia, bonora, sul ciaro del sol, ciaro del sol!
Al fresco, se laora disposti e con meno sudor, meno sudor.

Co'n faoto de fete, rento na toaia,
E un piat de fortaia, rento na sestela,
/:Caldina e marela, ma che gusto bon!
Al'ombra de'a pianta, sentadi zo in tera,
Contenti, se magna la colassion.







Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!

_________________
Una morbida nuvolotta.... di zucchero filato alla fragola e limone
Profilo Messaggio privato HomePage
 
 MessaggioInviato: Ven Lug 13, 00:36:48 Adv
Messaggio
  Adv









 
 MessaggioInviato: Ven Lug 13, 00:37:18  
Descrizione:
Rispondi citando
Messaggio
  nuvolotta

Site Admin


Admin

Sesso: Sesso:Femmina
Età: 58
Registrato: 01/12/05 18:04
Messaggi: 37856
nuvolotta is offline 




Sito web: http://www.nuvolotta.a...


NULL

La Prèdica ai fioi
Juvenal Dal Castel

Insegnarghe el ben ai fioi, n'el tempo de ancoi,
No ze più come na olta. Pol osar, che no i te scolta.
I ga coraio farghe fronta ai so pròpii genitori.
Brute robe! Fà paura! Par segnai del fin del mondo,
Come ga dito el Signor, ntela Santa Scritura.

Fiole, sté mia far le strambe, che vé taio via le gambe!
Disea el pupà e la mama. - Valtri, fioi, fé polito!
Volemo insegnarve 'l drito! Traté suito d'imparar.
No sté mia smentegarve le parole che vé'ò dito.

Podé, anca, ndar a'n baile, su ntel salon de'a ciesa.
Ma, traté de comportarve. Sempre con bele maniere.
Ver rispeto co le tose. Fà vergogna i ciuchetoni.
Brigadori, che alsa la ose, a farse veder valentoni,
L'è parché no i ze mia boni de catarse le morose.

Sé mia bone ingiuvinar cosa ga i omi in testa!
Feve furbe, stupidele, i vien con parole bele,
A menarve veder stele. No sté 'er paura a farghe bruto
No i zé omi de parola., no sté darghe permission.
I vé promete maridarse, e dopo, i vé dà el caron.

Giorn'incoi, quando i se basa, i par fin due vedei.
Resta bruto pai vecioti, pègio ancor pa'i tosatei.
Quel che i fà ntele novele, dopo i fà anca quà in colònia.
Le tose se sgionfa el peto che par fin due culate.
I popini sensa late, i ciuciará del silicone.

Tose brave e bem vestie, cata fàcile el moroso.
N'ocor mia che sia sioro: che sia bon de sparagnar,
Che nol beva, né che'l fume, basta che piasa el laoro,
Sensa vìssio de macogne, sempre ghè um bravo toso.
Felo suito vostro sposo, dentro in ciesa anca in cartòrio.
_________________
Una morbida nuvolotta.... di zucchero filato alla fragola e limone
Profilo Messaggio privato HomePage
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum » Storm and Moon Radio

Pagina 1 di 1
Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora

Mostra prima i messaggi di:

  

Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum


Agire


Amici...di... topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2009
Macinscott 2 by Scott Stubblefield