Back to the index page  
  FAQ   Cerca   Lista degli utenti   Gruppi utenti   Calendario   Registrati   Pannello Utente   Messaggi Privati   Login 
  »Portale  »Blog  »Album  »Guestbook  »FlashChat  »Statistiche  »Links
 »Downloads  »Commenti karma  »TopList  »Topics recenti  »Vota Forum

Ambiente estate 2012
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno


 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Criticamente -> Cambiamo
  PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
 
 MessaggioInviato: Lun Lug 16, 00:20:13  Ambiente estate 2012
Descrizione:
Rispondi citando
Messaggio
  nuvolotta

Site Admin


Admin

Sesso: Sesso:Femmina
Età: 58
Registrato: 01/12/05 18:04
Messaggi: 37972
nuvolotta is offline 




Sito web: http://www.nuvolotta.a...


NULL

RECUPERO OLIO USATO
CON "OLIVA"

Si chiama "Olivia" ed è il progetto
sperimentale avviato a Torre del Greco
(Napoli) dall'amministrazione comunale
con l'obiettivo di tutelare l'ambiente
e la biodiversità, in particolare
quella del Mar Mediterraneo.

Per farlo, si pone l'obiettivo di
intercettare la maggior quantità
possibile di olio vegetale usato da
provenienza domestica con il desiderio
di arrivare al 100%.

Quando all'interno del sistema di ge-
stione rifiuti di una città mancano le
modalità di raccolta di questa tipo-
logia di rifiuto urbano o quando questa
risulta carente, i cittadini finiscono
per disfarsi dell'olio usato durante
fritture e condimenti delle pietanze
versandolo direttamente negli scarichi
idrici. Un gesto che comporta diversi
svantaggi: l'olio, con il tempo, corro-
de le tubature e ne provoca la rottura,
determinando la necessità di correre ai
ripari (con i costi che ne derivano).


Ancora, attraverso la rete fognaria
l'olio giunge fino al depuratore e
poiché è più leggero dell'acqua,
finisce per raggiungere il mare dove
resta in superficie formando una
pellicola che funge da vera e propria
barriera, impedendo alla luce di
filtrare in acqua e ai gas, come
l'ossigeno, di passare dall'atmosfera
al mare e viceversa determinando la
morte degli organismi marini.

Nel settore rifiuti i risultati maggio-
ri si ottengono quando lo sforzo del
cittadino è minimo; per questo motivo
che, accanto ai tradizionali conteni-
tori stradali fissi per la raccolta
dell'olio vegetale, già collocati da
tempo a Torre del Greco, è stata rea-
lizzata e messa in atto una raccolta
"porta a porta" che vede la parteci-
pazione di una grossa fetta della
cittadinanza. Si è partiti ad aprile
2011 con l'individuazione di un'area
pilota, caratterizzata da una popola-
zione residente di 4.000 famiglie.

Visti i risultati positivi, emersi dal-
la prima fase di start up, si è deciso
di allargare il progetto e sono state
così individuate altre tre zone con
un'utenza inizialmente simile a quella
della zona pilota. Oggi, l'esperienza
è stata migliorata e ampliata nel tem-
po (grazie anche alla flessibilità
insita nel progetto stesso, attento
alle segnalazioni della cittadinanza e
alle diverse esigenze) e si è riusciti
a raggiungere un numero di famiglie
pari alle 16.483 unità (su 96.000 re-
sidenti totali).


"Olivia", infine, mantiene intatte la
qualità e la riproducibilità delle
risorse naturali tramite la successiva
trasformazione dell'olio esausto in
nuove materie prime, garantisce il
benessere e l'equità sociale e permet-
te di generare lavoro e reddito nel
territorio interessato. Per questi
motivi si accorda perfettamente con i
criteri di sviluppo sostenibile,
richiesti dalla Comunità europea.
_________________
Una morbida nuvolotta.... di zucchero filato alla fragola e limone
Profilo Messaggio privato HomePage
 
 MessaggioInviato: Lun Lug 16, 00:20:13 Adv
Messaggio
  Adv









 
 MessaggioInviato: Lun Lug 16, 00:22:07  
Descrizione:
Rispondi citando
Messaggio
  nuvolotta

Site Admin


Admin

Sesso: Sesso:Femmina
Età: 58
Registrato: 01/12/05 18:04
Messaggi: 37972
nuvolotta is offline 




Sito web: http://www.nuvolotta.a...


NULL

UNA MAPPA SULLA VENEZIA
SOSTENIBILE

Una mappa per turisti e veneziani che
sveli la Venezia virtuosa, sostenibile,
ecologica e solidale: prende il via
così il progetto "Fuori rotta - L'altra
mappa di Venezia", promosso dall'ammi-
nistrazione comunale in collaborazione
con AEres-Venezia per l'altra economia,
in previsione della terza "Conferenza
internazionale sulla decrescita per la
sostenibilità ecologica e l'equità
sociale", che si svolgerà in Laguna
dal 19 al 23 settembre prossimi.

UNA MAPPA SULLA VENEZIA
SOSTENIBILE
La mappa racconterà una Venezia altra,
che di solito non trova spazio nelle
pagine dei più diffusi depliant turi-
stici; quella delle eccellenze etiche,
dell'accoglienza sostenibile, della
ristorazione biologica, di realtà
sociali, di finanza etica e turismo
responsabile, di cultura indipendente
e consumo critico. La mappa nasce con
il proposito di raccogliere i luoghi e
le realtà veneziane che hanno sposato
la causa della sostenibilità e si ar-
ricchirà di volta in volta nel corso
del tempo.

UNA MAPPA SULLA VENEZIA
SOSTENIBILE
L'obiettivo è quello di dare risalto a
piccoli produttori, agricoltori, coope-
rative, esercenti, ristoranti, agritu-
rismi, ma anche a librerie, cinema,
teatri, associazioni che, attivi sul
territorio comunale, siano rappresen-
tativi dei temi che saranno oggetto
della Conferenza: la sostenibilità
ambientale e sociale, la diminuzione
dei consumi di energia e di materie
prime, la condivisione delle risorse
limitate e l'auto-aiuto, l'autopro-
duzione e la presa in cura di beni e
servizi condivisi.


UNA MAPPA SULLA VENEZIA
SOSTENIBILE

Saranno incluse al suo interno tutte le
realtà locali che ne faranno richiesta.
Per aderire al progetto è sufficiente
compilare il modulo disponibile sul
sito
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
La mappa sarà
presto disponibile sul web, all'interno
del portale
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!

"Fuori rotta" sarà anche una mappa car-
tacea della città di Venezia, distri-
buita durante gli eventi promossi da
AEres.
_________________
Una morbida nuvolotta.... di zucchero filato alla fragola e limone
Profilo Messaggio privato HomePage
 
 MessaggioInviato: Lun Lug 16, 00:23:20  
Descrizione:
Rispondi citando
Messaggio
  nuvolotta

Site Admin


Admin

Sesso: Sesso:Femmina
Età: 58
Registrato: 01/12/05 18:04
Messaggi: 37972
nuvolotta is offline 




Sito web: http://www.nuvolotta.a...


NULL

SUD PATRIA DELLE RINNOVABILI
Presentato dall'Associazione per lo
sviluppo industriale del mezzogiorno
(Svimez) il rapporto "Energie
rinnovabili e territorio - Scenari
economici, analisi del territorio e
finanza per lo sviluppo", dedicato alla
diffusione delle energie rinnovabili
nel sud Italia. Dai numeri emerge come
il Mezzogiorno italiano sia patria
d'elezione per l'energia verde.


SUD PATRIA DELLE RINNOVABILI
In molte Regioni la quota del mix
energetico coperta dalle rinnovabili è
già alta: 14,3% in Campania, 18,1% in
Puglia, 30,2% in Basilicata, 36,9% in
Calabria, 10,5% in Sicilia. Puglia,
Sicilia e Campania sono quelle più
produttive rispetto al totale naziona-
le delle rinnovabili. La sola Puglia
produce il 17,7% dell'energia verde
italiana, la Sicilia il 13,2%, la
Campania l'8,9%.

SUD PATRIA DELLE RINNOVABILI
Con il 98% della produzione nel Mezzo-
giorno (26% in Puglia, 22% in Sicilia,
18% in Campania), l'eolico è quasi del
tutto una fonte di energia meridionale.
Su 487 impianti installati in Italia,
410 sono al sud: 31 in Calabria, 76 in
Campania, 134 in Puglia, 28 in Basili-
cata e 62 in Sicilia. Già oggi l'eolico
offre lavoro a migliaia di meridionali:
7.000 in Puglia, 4.704 in Campania,
3.980 in Sicilia, 2.509 in Calabria,
1.892 in Basilicata, 2.500 in Sardegna,
1.444 in Abruzzo, 1.495 in Molise.


SUD PATRIA DELLE RINNOVABILI
Riguardo al fotovoltaico, invece, lo
studio Svimez conferma quello che già
si sapeva: la maggior parte degli
impianti è al nord, mentre la maggior
parte della potenza installata è al
sud. Nel meridione, cioè, si sono
costruiti negli anni passati meno
impianti ma più grandi e oggi la
potenza totale installata nelle Regioni
meridionali supera il 35% del totale
nazionale.


SUD PATRIA DELLE RINNOVABILI
Discorso simile per le bioenergie,
ancora poco diffuse al sud: su 670
impianti a biomasse in Italia solo 97
sono nel Mezzogiorno (25 in Puglia, 22
in Campania, 12 in Calabria e altret-
tanti in Sardegna, 11 in Sicilia, 7 in
Abruzzo, 5 in Basilicata, 3 in Molise).
Malgrado ciò la potenza installata al
sud è pari al 32% del totale nazionale.
Quindi, anche qui, meno impianti ma
più grossi.
_________________
Una morbida nuvolotta.... di zucchero filato alla fragola e limone
Profilo Messaggio privato HomePage
 
 MessaggioInviato: Lun Lug 16, 00:24:21  
Descrizione:
Rispondi citando
Messaggio
  nuvolotta

Site Admin


Admin

Sesso: Sesso:Femmina
Età: 58
Registrato: 01/12/05 18:04
Messaggi: 37972
nuvolotta is offline 




Sito web: http://www.nuvolotta.a...


NULL

ECOMAFIA CRESCONO I REATI IN ITALIA
Nel 2011 nel nostro Paese sono stati
scoperti 33.817 reati ambientali, una
media di 93 al giorno, il 9,7% in più
rispetto al 2010. I dati sono contenuti
nel rapporto "Ecomafia 2012", l'indagi-
ne annuale condotta da Legambiente
sull'illegalità ambientale. Un dossier
ricco di numeri e analisi, che fotogra-
fa un business illecito dalle cifre
scioccanti (16,6 miliardi di euro il
fatturato dell'ultimo anno), contrasta-
to dalle forze dell'ordine che nel solo
2011 hanno effettuato 8.765 sequestri.

ECOMAFIA CRESCONO I REATI IN ITALIA
Un attacco in piena regola al patri-
monio ambientale, paesaggistico,
culturale e artistico della Penisola
portato avanti da criminali che
devastano il territorio mettendo in
pericolo la salute dei cittadini. Lo
scorso anno sono aumentati gli incendi
boschivi, che hanno divorato oltre
60.000 ettari di boschi; i reati con-
tro la fauna sono cresciuti del 28%,
con ben 7.494 infrazioni; il patrimo-
nio storico, artistico e archeologico
ha visto aumentare del 13,1% i furti.


ECOMAFIA CRESCONO I REATI IN ITALIA
Contro la filiera agroalimentare sono
stati accertati 13.867 reati, più del
triplo rispetto al 2010. I sequestri
sono stati pari a 1,2 miliardi di euro
(+50%) con un danno erariale di oltre
113 milioni di euro. In lieve flessione
i reati nel ciclo dei rifiuti e del
cemento. Nel primo caso, sono 5.284 i
reati scoperti e 5.830 le persone
denunciate. Aumentano i traffici ille-
citi internazionali, mentre i rifiuti
gestiti illegalmente e sequestrati si
sono attestati sulle 346.000 tonnella-
te.


ECOMAFIA CRESCONO I REATI IN ITALIA
Rifiuti in plastica e rottami ferrosi
risultano essere tra i materiali più
ambiti dai trafficanti che attraverso
trattamenti fittizi, movimentano il
pattume fino alla sua destinazione
finale: all'interno di piloni e strade,
in vecchie cave, in cantieri edili o
in siti oltreconfine. Sono invece
6.662 gli illeciti e 8.745 le persone
denunciate nel ciclo del cemento, dove
l'abusivismo ha fatto registrare
25.800 casi tra nuove costruzioni o
grandi ristrutturazioni, con un fattu-
rato stabile intorno a 1,8 miliardi di
euro.


ECOMAFIA CRESCONO I REATI IN ITALIA
Continuano a prosperare i clan: sono
296 quelli censiti sino a oggi, sei in
più rispetto allo scorso anno. Sembra
essere cambiata sostanzialmente
l'immagine del mafioso di professione,
che si è evoluto nel corso delle
generazioni. Oggi si contraddistingue
per buona educazione e cultura,
conoscenza delle lingue straniere,
aspetto distinto. Tutte caratteristi-
che utili a condurre truffe.
_________________
Una morbida nuvolotta.... di zucchero filato alla fragola e limone
Profilo Messaggio privato HomePage
 
 MessaggioInviato: Lun Lug 16, 00:25:34  
Descrizione:
Rispondi citando
Messaggio
  nuvolotta

Site Admin


Admin

Sesso: Sesso:Femmina
Età: 58
Registrato: 01/12/05 18:04
Messaggi: 37972
nuvolotta is offline 




Sito web: http://www.nuvolotta.a...


NULL

"CARTONIADI" A MASSA CARRARA
Fino al 15 luglio i comuni di Massa e
Carrara si contenderanno il titolo di
"campione del riciclo" e un montepremi
in denaro messo a disposizione dal
Consorzio nazionale recupero e riciclo
degli imballaggi a base cellulosica
(Comieco) grazie alle "Cartoniadi",
vero e proprio campionato della raccol-
ta differenziata di carta e cartone
che ha interessato numerosi territori
della Penisola.

"CARTONIADI" A MASSA CARRARA
La competizione, organizzata da Comieco
in collaborazione con le due ammini-
strazioni comunali e i gestori del
servizio di raccolta Amia e Asmiu,
coinvolge oltre 150.000 cittadini che
gareggiano con un chiaro obiettivo:
migliorare le quantità e la qualità
della raccolta differenziata di carta
e cartone. L'iniziativa, che dal 2006
ha già coinvolto milioni di cittadini
italiani, ha lo scopo di valorizzare
l'impegno e la sensibilità delle fa-
miglie verso una tipologia particolare
di riciclo


"CARTONIADI" A MASSA CARRARA
Il premio di 30.000 euro se lo aggiu-
dicherà il comune che riuscirà a far
registrare il maggiore incremento per-
centuale del pro-capite di raccolta di
carta, cartone e cartoncino (espresso
in chili/abitante/anno) nel mese di
gara rispetto a quello della raccolta
2011. Il montepremi dovrà essere obbli-
gatoriamente utilizzato dalla città
vincitrice a favore della collettività.

"CARTONIADI" A MASSA CARRARA
Nel 2011 a Massa sono state raccolte
1.600 tonnellate di carta e cartone
con una media pro-capite di quasi 22
kg/ab; a Carrara ne sono state raccol-
te 1.800 tonnellate, per una media
pro-capite di 26 kg/ab. Le "Cartoniadi"
puntano a far crescere questi risul-
tati, forti del successo registrato in
altri comuni dove in un mese di gara
si è riscontrato un incremento medio
della raccolta pari al 30%.
_________________
Una morbida nuvolotta.... di zucchero filato alla fragola e limone
Profilo Messaggio privato HomePage
 
 MessaggioInviato: Lun Lug 16, 00:27:01  
Descrizione:
Rispondi citando
Messaggio
  nuvolotta

Site Admin


Admin

Sesso: Sesso:Femmina
Età: 58
Registrato: 01/12/05 18:04
Messaggi: 37972
nuvolotta is offline 




Sito web: http://www.nuvolotta.a...


NULL

SVIMEZ
L'Associazione per lo sviluppo dell'in-
dustria nel mezzogiorno (Svimez), è un
ente privato senza fini di lucro isti-
tuito il 2 dicembre del 1946. Un grup-
po di importanti personalità del mondo
industriale e finanziario italiano de-
cise, durante la Seconda Guerra mondia-
le, di dare vita a un centro di ricer-
che e studi specializzato sulle que-
stioni legate al sud della Penisola.


SVIMEZ
Obiettivo principale dell'associazione
è lo studio dell'economia del mezzo-
giorno, per proporre a istituzioni
centrali e locali programmi concreti
di sviluppo delle Regioni meridionali,
auspicando così anche l'unificazione
economica dell'Italia. Leit motiv di
Svimez è "industrializzare" il mezzo-
giorno, promuovendo tutti i settori
dell'economia: servizi, turismo, green
economy compresi.


SVIMEZ
Non è il libero mercato lasciato a se
stesso in grado di risolvere la "que-
stione meridionale", ma lo Stato, che
deve promuovere la crescita del sud con
un insieme coordinato di azioni pubbli-
che e di interventi "straordinari".
Straordinari per tre motivi: creare una
convenienza all'investimento in un'area
che da sola non attirerebbe imprendi-
tori esterni; sostenere grandi opere
che richiedono quantità di risorse
impossibili per i privati; affiancare
l'attività ordinaria delle amministra-
zioni.


SVIMEZ
Sono numerosi i contributi tecnici e
scientifici che l'associazione ha for-
nito nel corso degli anni. Tra questi,
si ricordano le elaborazioni di indi-
catori della "depressione" del mezzo-
giorno, che già dai primi anni '50
misuravano i divari territoriali e il
dualismo italiano; la stesura di piani
regionali di sviluppo (Regione Cala-
bria, Puglia, Campania) e di osserva-
tori socio-economici regionali.


SVIMEZ
Svimez è stata molto attiva anche nel
campo della formazione; in collabora-
zione con la "Ford Foundation", nel
1957, sono nati il Centro per gli stu-
di sullo sviluppo economico e la Scuola
di specializzazione sui problemi della
politica per lo sviluppo. Fin dai primi
anni di attività, l'associazione ha
dedicato grande cura e attenzione alla
legislazione meridionalista, il cosid-
detto "Diritto per il Mezzogiorno",
con numerose analisi, volumi, commenti
sugli interventi.
_________________
Una morbida nuvolotta.... di zucchero filato alla fragola e limone
Profilo Messaggio privato HomePage
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum » Cambiamo

Pagina 1 di 1
Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora

Mostra prima i messaggi di:

  

Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Puoi segnalare post ai moderatori in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum


Agire


Amici...di... topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2009
Macinscott 2 by Scott Stubblefield