Back to the index page  
  FAQ   Cerca   Lista degli utenti   Gruppi utenti   Calendario   Registrati   Pannello Utente   Messaggi Privati   Login 
  »Portale  »Blog  »Album  »Guestbook  »FlashChat  »Statistiche  »Links
 »Downloads  »Commenti karma  »TopList  »Topics recenti  »Vota Forum

Lavoro o salute?
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno


 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Criticamente
  PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
 
 MessaggioInviato: Sab Nov 10, 12:09:10  Lavoro o salute?
Descrizione:
Rispondi citando
Messaggio
  nuvolotta

Site Admin


Admin

Sesso: Sesso:Femmina
Età: 58
Registrato: 01/12/05 18:04
Messaggi: 37858
nuvolotta is offline 




Sito web: http://www.nuvolotta.a...


NULL

Un pianeta da difendere

di Mario Tozzi
primo ricercatore Cnr - Igag
e conduttore televisivo

Lavoro o salute?

Quello che sta accadendo all’Ilva di Taranto lascia stupefatti anche in un paese dalle contraddizioni palmari come il nostro. La questione, ridotta ai termini più semplici, è in realtà molto chiara: in cambio del lavoro è giusto perdere la salute, il benessere, un ambiente integro e sano? Anche la risposta dovrebbe essere molto chiara, e, in un paese normale, sarebbe certamente no. Invece da noi la semplicità disarmante della questione viene incrostata da chiacchiere prive di senso e da considerazioni che esulano dai contenuti. A partire dagli anni Sessanta l’Italia costruiva il suo boom economico sulle autovetture e su uno sviluppo industriale che piazzava nei luoghi più incantevoli del nostro mare bombe ecologiche di una bruttezza disarmante. Porto Marghera vicino a quell’incanto di marmi che è Venezia, le acciaierie a Taranto e Piombino, le raffinerie a Ancona, Brindisi, Ragusa, gli impianti di Porto Torres, Termini Imerese, Manfredonia, Bagnoli...
Erano tempi in cui non si prevedeva il carico inquinante che questi impianti avrebbero portato, anche se, a partire dalla fine degli anni Settanta, qualche sospetto avrebbe dovuto farsi strada anche nelle menti ottenebrate dal profitto. La tragedia di Seveso segnava comunque uno spartiacque che rimase, però, ignorato. Anzi nacque in quei momenti un modo di porre la questione che ritroviamo oggi a proposito dell’Ilva di Taranto: se vuoi mantenere il posto di lavoro devi rinunciare alla salute e all’integrità ambientale. Ha pesato anche l’atteggiamento, bisogna pur dirlo, dei rappresentanti dei lavoratori che, invece di incrociare le braccia fino a che le condizioni di sicurezza e di salute non fossero state rispettate, hanno visto come problema i cittadini che cominciavano a protestare.
Invece di prendersela con quello che un tempo si chiamava il padrone, ci si è divisi dandogli la possibilità di non fare nulla per adeguare gli impianti e di appoggiarsi, anzi, alla protesta di chi aveva paura di perdere il lavoro.
Gli impianti che inquinano vanno chiusi e basta. Per legge chi inquina deve pagare: non deve esser caricato sulle spalle della comunità quello che è stato il prezzo che l’industria ha fatto pagare all’ambiente e alla salute. Sembra molto semplice, ma, invece, vediamo ancora le stesse scene tra chi si ammala di cancro fuori dalle fabbriche e chi si ammala dello stesso cancro dentro gli impianti. Quando sarebbe il caso di portare sul banco degli imputati chi per decenni ha lucrato profitti sulla nostra pelle e sul nostro ambiente.
Taranto era una città bellissima, incastonata in un ambiente straordinario completamente distrutto da uno sviluppo (?) che non si è saputo adeguare alle norme più elementari di salute e ambiente. Prendersela con i giudici che hanno messo finalmente in luce questa contraddizione non serve a nulla. In tutto il mondo dove non riesci a garantire salute e qualità dell’ambiente o chiudi o ti riconverti. E la spesa è a carico di chi su quella contraddizione ha ricavato profitti immensi. Sarebbe bene iniziare a farlo anche nel nostro sfortunato paese.



Mario Tozzi

fonte:
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!

_________________
Una morbida nuvolotta.... di zucchero filato alla fragola e limone
Profilo Messaggio privato HomePage
 
 MessaggioInviato: Sab Nov 10, 12:09:10 Adv
Messaggio
  Adv









Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum » Criticamente

Pagina 1 di 1
Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora

Mostra prima i messaggi di:

  

Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Puoi segnalare post ai moderatori in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum


Agire


Amici...di... topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2009
Macinscott 2 by Scott Stubblefield