Back to the index page  
  FAQ   Cerca   Lista degli utenti   Gruppi utenti   Calendario   Registrati   Pannello Utente   Messaggi Privati   Login 
  »Portale  »Blog  »Album  »Guestbook  »FlashChat  »Statistiche  »Links
 »Downloads  »Commenti karma  »TopList  »Topics recenti  »Vota Forum

La signorina No
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno


 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Criticamente
  PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
 
 MessaggioInviato: Ven Giu 08, 13:37:21  La signorina No
Descrizione:
Rispondi citando
Messaggio
  °°nuvolotta°°

Site Admin






Registrato: 15/05/07 15:34
Messaggi: 868
°°nuvolotta°° is offline 




Sito web: http://nuvolotta.space...


No, ai cartelli pubblicitari
(del 15/05/2007)
“Lungo le strade o in vista di esse è vietato collocare insegne, cartelli, manifesti, pubblicità visibili dai veicoli transitanti sulle strade. E ancora, è vietata qualsiasi forma di pubblicità lungo e in vista delle autostrade, delle strade extraurbane. Su queste strade è consentita la pubblicità solo nelle aree di servizio.” Parola di codice della strada. Articolo 23. Quindi se ho capito bene la pubblicità, quei cartelli indicanti “la qualsiasi” lungo le strade non è prevista e contemplata dal codice della strada. Voi lo sapevate? Io l’ho scoperto casualmente. Per la verità me lo sono chiesto questa mattina. Stavo andando al lavoro percorrendo la via Emilia quando ho deciso di mettermi a fare la conta dei cartelli lungo il bordo della strada. In meno di un chilometro ne ho contati uno, due, tre-quattro (spesso ce ne sono uno sopra l’altro), cinque, sei… Fino a quando mi sono accorta, un po’ troppo tardi , di un cartello importante (il solo) un indicatore luminoso di velocità. Sono quei cartelli che lampeggiano segnalando la velocità alla quale si sta marciando e sono posizionati lungo la strada in sostituzione degli autovelox. Una sorta di avvertimento per gli automobilisti. In realtà l’automobilista attento e prudente, la velocità dovrebbe leggersela sul proprio tachimetro! Però prima del cartello luminoso c’è quello del limite di velocità, e prima quello che reclamizza un paio di jeans, e prima ancora un altro con un divano in offerta… Insomma una gran confusione tra quelli utili e quelli no. C’è qualcuno che li legge? Credo che tanti cartelli equivalgano a nessun cartello, ma per il paesaggio tanti cartelli equivalgono a degrado, predazione, scempio. Dico No ai cartelli pubblicitari (… e adesso sappiamo che anche il codice della strada dice No!) e forse non è un caso che in nessun altro paese europeo sia consentito l’uso della pubblicità ai bordi delle strade.


da
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
Profilo Messaggio privato HomePage
 
 MessaggioInviato: Ven Giu 08, 13:37:21 Adv
Messaggio
  Adv









 
 MessaggioInviato: Ven Giu 08, 13:38:04  
Descrizione:
Rispondi citando
Messaggio
  °°nuvolotta°°

Site Admin






Registrato: 15/05/07 15:34
Messaggi: 868
°°nuvolotta°° is offline 




Sito web: http://nuvolotta.space...


Mi presento. Sono la “signorina No” e appartengo al vasto popolo del No. Per esempio io dico No al nucleare perché non voglio una Chernobyl in casa mia, però consumo energia (molta) e mi lamento che la bolletta è sempre troppo salata. Dico No agli inceneritori e a pensarci bene dico anche alle discariche. Ma dove vanno a finire i miei rifiuti?Dico No alle antenne dei telefonini perché non voglio i campi elettromagnetici. Però a dire il vero ho il cellulare “ Mi senti? Io ti sento. Mi senti??!” Che nervi quando non prende. E che nervi anche quelli che assecondano tutto, le mode, le prevaricazioni, quelli che stanno sempre con la maggioranza. A pensarci bene, forse anche noi popolo del No, a volte, diciamo No a prescindere…
_________________
!! Tutti ci possono insegnare qualcosa e con umiltà si impara da tutti !!
!! Alcuni sanno tutto, ma è l'unica cosa che sanno !! (Anonimo)
Profilo Messaggio privato HomePage
 
 MessaggioInviato: Ven Giu 08, 13:38:22  
Descrizione:
Rispondi citando
Messaggio
  °°nuvolotta°°

Site Admin






Registrato: 15/05/07 15:34
Messaggi: 868
°°nuvolotta°° is offline 




Sito web: http://nuvolotta.space...


No all'urbanistica solo ascoltata
(del 30/05/2007)
Qualche giorno fa ho partecipato ad un convegno di urbanistica durante il quale è stata presentata una proposta di legge per il governo del territorio. Si sono snocciolati tutti i punti cardini per una nuova pianificazione e gestione del territorio. Parole (tante), opuscoli distribuiti (a profusione) conclusioni quasi sempre sbrigative, realizzazioni pratiche nulle o non significative. Eppure tra relatori e partecipanti c’era il fior fiore dell’urbanistica italiana, molti politici e numerosi amministratori locali. Annoiandomi davanti a tanta inutilità, mi sono divertita a prendere nota delle parole più usate. Medaglia d’oro a “sostenibilità”, a seguire “qualità urbana”, “partecipazione” e “solidarietà”. La frase che ha raccolto il maggior numero di applausi è stata: “Se si vuole dare sostenibilità alle politiche del territorio occorre una riforma”. Parole sante! Ma perché, fuori da quelle stanze non troviamo la sostenibilità? Non siamo capaci a realizzarla o, peggio, non la desideriamo neppure? Le riforme, le parole, i convegni non portano a nulla se non si realizza la qualità urbana, se non la si necessità. E sembra proprio che sia così, perché a riflettori spenti la sola, tra i partecipanti, che è rientrata a casa con il disagio di un mezzo pubblico sono stata io, la sola che ha notato che mancano le piste ciclabili, che i marciapiedi sono a intermittenza, che i parcheggi insufficienti, che le strade inadeguate al carico veicolare! Le riforme servono, eccome, ma occorre ancora di più essere pronti ad affrontare i cambiamenti, positivi, occorre essere pronti a ri-vivere in modo diverso le nostre realtà urbane. Ed è qui che dico il mio No, No all’ inerzia ad abituarsi al brutto, allo scomodo, all’inefficiente. Dico No all’essere conniventi della paralisi, applaudendo ai convegni ma senza ribellarsi. Cosa ci facevo al convegno di urbanistica? Sono ingegnere. Nessuno è perfetto!
Commenti (10)
_________________
!! Tutti ci possono insegnare qualcosa e con umiltà si impara da tutti !!
!! Alcuni sanno tutto, ma è l'unica cosa che sanno !! (Anonimo)
Profilo Messaggio privato HomePage
 
 MessaggioInviato: Ven Giu 08, 13:38:43  
Descrizione:
Rispondi citando
Messaggio
  °°nuvolotta°°

Site Admin






Registrato: 15/05/07 15:34
Messaggi: 868
°°nuvolotta°° is offline 




Sito web: http://nuvolotta.space...


No al TRF nella mani del Family Banker
(del 21/05/2007)
Sono numerosi gli spot sulla scelta della destinazione del tfr futuro. La posta in gioco ĕ alta e mancano meno di 2 mesi dalla scelta definitiva del lavoratore. C’e chi ha scelto di accattivarsi i clienti con una grande moneta del tfr che non entra nel salvadanaio, chi invece accoglie in tranquillizzanti uffici di assicurazioni il lavoratore incerto. Anche il sindacato si schiera. E invece di informare si schiera, insomma lascia intendere che il posto piŭ sicuro per il gruzzolo dei lavoratori dipendenti ĕ il fondo pensione di settore. Ma il piŭ inquietante ĕ il family banker che assicura di essere in grado di consigliare e personalizzare l’investimento piŭ importante della vita. Chi ĕ il family banker? E’ una sorta di sirena per Ulisse, ammicca all’incerto e rincuora proponendo investimenti personalizzati. Intanto c’ĕ da chiedersi perchĕ il datore di lavoro accantona per me lavoratore una mensilità ogni anno e invece di restituirmela (visto che ĕ mia), e poi perchĕ dovrei dare il mio tesoretto futuro nelle mani di un cravattuto assicuratore che fa tutto tranne assicurarmi, cioĕ garantirmi che quel denaro frutterà cosĭ tanto da integrare la pensione? E ancoa, cosa significa family banker? Chi lo conosce? E’ un parente? Un amico che si intende di finanza e che famiglia per famiglia suggerisce un investimento sicuro? Ma non dovrebbe consigliare a me lo stesso investimento del mio vicino di casa o del mio collega di lavoro? No, dico no al family banker e a tutti quelli che dicono di sapere cosa ĕ meglio per il mio tfr.
Commenti (9)
_________________
!! Tutti ci possono insegnare qualcosa e con umiltà si impara da tutti !!
!! Alcuni sanno tutto, ma è l'unica cosa che sanno !! (Anonimo)
Profilo Messaggio privato HomePage
 
 MessaggioInviato: Ven Giu 08, 13:39:00  
Descrizione:
Rispondi citando
Messaggio
  °°nuvolotta°°

Site Admin






Registrato: 15/05/07 15:34
Messaggi: 868
°°nuvolotta°° is offline 




Sito web: http://nuvolotta.space...


NO, alle "riserve rosa"
(del 11/05/2007)
E’ un vero peccato che non si possa scegliere il tempo nel quale vivere. Io per esempio avrei voluto nascere nel dopo guerra, quando si lottava per la conquista dei diritti della donna e magari prendere parte alla rivoluzione femminista. Invece sono solo stata concepita nel 1968. Andavo all’asilo quando le donne bruciavano in piazza i reggiseni e conoscevo appena le tabelline quando in Campo dei Fiori a Roma le donne invasero la piazza per manifestare per liberarsi dall’oppressione della civiltà maschilista. Però ero già abbastanza grande quando ho sentito parlare di “quote rosa”, uno strumento legislativo per parificare la percentuale delle donne a quelle degli uomini nella politica, nella società. Che umiliazione. E non è finita qui. Ora, che sono grande, sento parlare di Parcheggi Rosa, per parcheggiare in aree protette senza essere molestate, o ancora assisto al dibattito se sia giusto o no pensare ai Pass rosa, una sorta di lasciapassare nei centri storici delle città per tornare la sera senza rischiare di incontrare malintenzionati. Qualcosa stride perché poi mi viene riconosciuto con difficoltà il diritto alla maternità, non riesco a mandare i bambini all’asilo, non sempre ottengo orari flessibili preoccuparmi della mia famiglia. Ma in Francia non è così. E neppure in Svezia o in Danimarca. E’ un vero peccato che non si possa scegliere il tempo e il Paese nel quale vivere.
_________________
!! Tutti ci possono insegnare qualcosa e con umiltà si impara da tutti !!
!! Alcuni sanno tutto, ma è l'unica cosa che sanno !! (Anonimo)
Profilo Messaggio privato HomePage
 
 MessaggioInviato: Ven Giu 08, 13:39:20  
Descrizione:
Rispondi citando
Messaggio
  °°nuvolotta°°

Site Admin






Registrato: 15/05/07 15:34
Messaggi: 868
°°nuvolotta°° is offline 




Sito web: http://nuvolotta.space...


No agli sms anti-velocità
(del 07/05/2007)
Non sono mamma, ma se fossi mamma, per esempio di un ragazzo tra i 16 e i 29 anni, starei in pena ogni volta che l'erede sale in auto. Starei in pena perché circa 2000 ragazzi ogni anno muoiono sulla strada. Le cause sono sempre le stesse: velocità eccessiva e consumo di alcool. C'e' chi attribuisce una responsabilità al sabato sera, chi alle discoteche. Magari anche al cinema o al circolo delle bocce. "Non correre in macchina" gli urlerei. "Si mamma stai tranquilla e' tutto sotto controllo" mi risponderebbe lui. Ma si sà, e' più facile premere l'acceleratore che prestare fede ad una promessa strascicata sull'uscio di casa... A questo punto allora può intervenire la tecnologia, quella buona al servizio degli uomini e delle mamme. Se tuo figlio va forte in macchina un sms ti svviserà cosi tu potrai chiamarlo e cantargliene quattro. Come ho premesso non ho figli e forse per questo appena ho letto la notizia ho subito pensato: No agli sms per la troppa velocità! Un No secco perché vorrei conoscere il criterio col quale viene inviato il messaggio: 130 km/h in autostrada e 50 km/h in centro città? Credo che l'essere pericolosi e mettere a repentaglio la propria vita e quella degli altri non dipenda solo dalla velocità in senso assoluto. Se fossi mamma di un "pilota" vorrei che sapesse riconoscere il pericolo, che avesse il senso del limite e ancora che fosse in grado di distinguere il tempo della corsa dal tempo della prudenza. Ma si sa' i figli so' piez e core e forse una madre vorrebbe avere sempre acceso, sulla propria creatura, l'occhio del grande fratello
_________________
!! Tutti ci possono insegnare qualcosa e con umiltà si impara da tutti !!
!! Alcuni sanno tutto, ma è l'unica cosa che sanno !! (Anonimo)
Profilo Messaggio privato HomePage
 
 MessaggioInviato: Ven Giu 08, 13:39:46  
Descrizione:
Rispondi citando
Messaggio
  °°nuvolotta°°

Site Admin






Registrato: 15/05/07 15:34
Messaggi: 868
°°nuvolotta°° is offline 




Sito web: http://nuvolotta.space...


Il polipo che ognuno si merita
(del 11/04/2007)
Forse basta solo una settimana di vacanza a Hong Kong per capire che non abbiamo più niente da esportare. E non mi riferisco ai capi griffati (nella patria della imitazione poi!), mi riferisco piuttosto allo star bene, alla città alla portata degli uomini. E’ bastata solo una settimana per capire come sia possibile far muovere 7 milioni di abitanti solo con i mezzi pubblici. La parola d’ordine e’ Octopus. Un tessera magnetica ricaricabile, (le donne la tengono nel portafoglio e gli uomini nel taschino della giacca) che consente di pagare il bus, il tram, la metropolitana, di acquistare il biglietto per il cinema oppure il caffè al bar e ancora il panino al fast food. Octopus significa polipo ed e’ considerato il più intelligente dei molluschi. Non so voi dove abitiate, ma il polipo della mia città si chiama citypass ed e’ un misero foglietto di carta che consente di viaggiare per 60 minuti sugli autobus. Bisogna ricordarsi di obliterarlo e ogni volta che lo si fa, il foglietto si indebolisce, si accorcia, si deteriora, si rattrista. Bastano pochi minuti per accorgersi che ognuno ha il polipo che si merita…
_________________
!! Tutti ci possono insegnare qualcosa e con umiltà si impara da tutti !!
!! Alcuni sanno tutto, ma è l'unica cosa che sanno !! (Anonimo)
Profilo Messaggio privato HomePage
 
 MessaggioInviato: Ven Giu 08, 13:40:06  
Descrizione:
Rispondi citando
Messaggio
  °°nuvolotta°°

Site Admin






Registrato: 15/05/07 15:34
Messaggi: 868
°°nuvolotta°° is offline 




Sito web: http://nuvolotta.space...


Il traffico a ritmo di rotonda
(del 06/04/2007)
Casa-ufficio. Il tragitto non cambia, almeno fino a quando non troverò un altro lavoro. L’automobile, comprata a rate nel boom della rottamazione, non mi fa risparmiare tempo ma almeno ascolto la radio e non mi sento sola perché milioni di automobilisti sulla milano-laghi e nel grande raccordo anulare sono imbottigliati come me. La colpa non e’ nemmeno dei semafori, quelli non ci sono più. Al loro posto, le rotonde. Le strade però sono sempre quelle… Io impiego lo stesso identico tempo ad andare in ufficio e non posso nemmeno controllare il trucco nell’attesa che venga il verde. E’ solo uno sfogo, ma dico No alle rotonde. Tanti cantieri, tanto denaro pubblico. Ci hanno detto che così facendo il traffico si snellisce, forse si inquina meno perché non si frena e non si accelera (come ai semafori). Un motivo ci sarà. Quale poi…
_________________
!! Tutti ci possono insegnare qualcosa e con umiltà si impara da tutti !!
!! Alcuni sanno tutto, ma è l'unica cosa che sanno !! (Anonimo)
Profilo Messaggio privato HomePage
 
 MessaggioInviato: Ven Giu 08, 13:40:25  
Descrizione:
Rispondi citando
Messaggio
  °°nuvolotta°°

Site Admin






Registrato: 15/05/07 15:34
Messaggi: 868
°°nuvolotta°° is offline 




Sito web: http://nuvolotta.space...


La bolletta sarà più leggera con i rigassificatori?
(del 04/04/2007)
Qualche giorno fa una nave ha riversato in mare, nelle acque del porto di Livorno, un carico inquinante. Allarme, ovvio. E in fondo si trattava solo di una nave in transito. A questo punto anch’io mi sono chiesta: se una nave che transitava ha causato un simile incidente, cosa accadrà quando a Livorno sarà attivo il rigassificatore? Si tratta di un impianto in grado di portare allo stato gassoso un liquido. Traspostare un liquido è molto più facile ed economico che trasportare un gas per il quale invece occorrerebbe un gasdotto. Una volta costruito il terminale, al porto di Livorno attraccheranno quotidianamente navi con carichi di gas liquido (gnl- gas naturale liquefatto) che verranno poi sottoposti ad alte temperature per raggiungere lo stato gassoso. Serve energia e il gas fornisce energia pulita. L'attività del rigassificatore non comporterà alcuna emissione o scarico inquinante, né in atmosfera né in mare. Ma a rassicurarci è l’Edison che parla. Quindi una voce di parte, visto che proprio l’Edison è la principale acquirente di gas metano. Sono contraria al rigassificatore, e non solo a quello di Livorno, anche se poi ho bisogno dell’energia, e tanta: lavatrice, lavastoviglie, computer, phon. Ci sarà un altro modo per pagare meno la bolletta della luce?
_________________
!! Tutti ci possono insegnare qualcosa e con umiltà si impara da tutti !!
!! Alcuni sanno tutto, ma è l'unica cosa che sanno !! (Anonimo)
Profilo Messaggio privato HomePage
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum » Criticamente

Pagina 1 di 1
Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora

Mostra prima i messaggi di:

  

Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Puoi segnalare post ai moderatori in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum


Agire


Amici...di... topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2009
Macinscott 2 by Scott Stubblefield