Back to the index page  
  FAQ   Cerca   Lista degli utenti   Gruppi utenti   Calendario   Registrati   Pannello Utente   Messaggi Privati   Login 
  »Portale  »Blog  »Album  »Guestbook  »FlashChat  »Statistiche  »Links
 »Downloads  »Commenti karma  »TopList  »Topics recenti  »Vota Forum

La torre
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno


 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Penne da favola
  PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
 
 MessaggioInviato: Ven Nov 07, 07:09:32  La torre
Descrizione:
Rispondi citando
Messaggio
  nuvolotta

Site Admin


Admin

Sesso: Sesso:Femmina
EtÓ: 58
Registrato: 01/12/05 18:04
Messaggi: 37991
nuvolotta is offline 




Sito web: http://www.nuvolotta.a...


NULL

La torre
Emergeva dal mare di sale, scura torre di basalto, simile all'unghia di un nero titano, coperta da un candido lenzuolo di nubi bianche.Nessun arbusto nascondeva il suo incestuoso amplesso con la madre terra, le sue radici penetravano senza contatto alcuno in quello...
di Danton10


La torre
Emergeva dal mare di sale, scura torre di basalto, simile all'unghia di un nero titano, coperta da un candido lenzuolo di nubi bianche. Nessun arbusto nascondeva il suo incestuoso amplesso con la madre terra, le sue radici penetravano senza contatto alcuno in quello spumeggiante biancore, non vi erano sentieri che conducessero a quel monolite e solo un gelido vento, era l'unico fidato compagno che la torre riuscisse ad attrarre.

Un'unica stretta finestra, simile all' occhio di un impotente ciclope, vigilava custodendone i segreti, stavo lý davanti a lei, immobile, valutando le nostre forze, solo il sibilo del vento rompeva i miei pensieri, ma un impercettibile movimento attir˛ il mio sguardo verso una finestra prima vuota e buia, la stretta fessura ora mostrava il viso di una donna, dalle eleganti sembianze, la fronte alta, gli occhi grigi, la bocca rosea e lunghi capelli neri le ricadevano sulle spalle.

Mi sorrise, ed un istante dopo, come in un sogno, lei mi era accanto. La pelle della donna, aveva il profumo dei piccoli fiori d'oro, il suo collo era lungo e candido, le sue braccia mi attirarono verso di lei, cominciai a baciarla sulle labbra, mentre lei ricambiando la dolcezza, inizi˛ ad accarezzarmi lievemente.

Presto le sue mani, cedettero il posto alla sua bocca, che si pos˛ sul mio collo e mentre i nostri abiti cadevano, insieme ai nostri corpi sulla gelida terra, sentii l'urlo furioso del vento farsi strada sulla mia pelle, cercando, con tutta la sua forza, di allontanarmi dal tepore della sua carne, il cielo, improvvisamente si tinse di rosso e la terra, tremare in modo selvaggio ma nulla poteva pi¨ farmi paura, lei era lý, sentivo il suo respiro fondersi al mio, per un attimo chiusi gli occhi e con dolore, pregai crudeli divinitÓ di dare ai miei muscoli la forza di resistere, di trattenere quel dolce tepore sulla mia pelle di non svegliarmi mai, ma il sole faceva capolino tra le imposte aprii gli occhi ed eri, tra le mie braccia.

Forse era un sogno o forse no!!! Vivere Ŕ anche correre il rischio di viverli i propri sogni.
_________________
Una morbida nuvolotta.... di zucchero filato alla fragola e limone
Profilo Messaggio privato HomePage
 
 MessaggioInviato: Ven Nov 07, 07:09:32 Adv
Messaggio
  Adv









Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum » Penne da favola

Pagina 1 di 1
Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora

Mostra prima i messaggi di:

  

Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Puoi segnalare post ai moderatori in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum


Agire


Amici...di... topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB ę 2003 - 2009
Macinscott 2 by Scott Stubblefield