Back to the index page  
  FAQ   Cerca   Lista degli utenti   Gruppi utenti   Calendario   Registrati   Pannello Utente   Messaggi Privati   Login 
  »Portale  »Blog  »Album  »Guestbook  »FlashChat  »Statistiche  »Links
 »Downloads  »Commenti karma  »TopList  »Topics recenti  »Vota Forum

Buena Vista Social Club
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno


 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Storm and Moon Radio
  PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
 
 MessaggioInviato: Ven Gen 13, 05:54:53  Buena Vista Social Club
Descrizione:
Rispondi citando
Messaggio
  nuvolotta

Site Admin


Admin

Sesso: Sesso:Femmina
Età: 58
Registrato: 01/12/05 18:04
Messaggi: 37853
nuvolotta is offline 




Sito web: http://www.nuvolotta.a...


NULL

Buena Vista Social Club

Buena Vista Social Club era un club dell'Avana, in Cuba, attivo dal 1932, riservato ai neri durante gli anni della dittatura di Fulgencio Batista.

Storia

Con la vittoria della rivoluzione nel 1959, e le nuove tendenze sociali che aprivano a nuove forme artistiche cercando in ogni modo di chiudere con il passato e i suoi simboli, il club fu chiuso assieme a tutti quei luoghi che potevano essere ritenuti retaggio del degrado del passato.

Quasi quarant'anni dopo la chiusura del club, un gruppo di all star cubane si fondono nell'Afro-Cuban All Stars. A produrre l'ensemble è Nick Gold. È in modo rocambolesco che all'iniziativa partecipa anche il chitarrista californiano Ry Cooder. Il disco Buena Vista Social Club esce nel 1996.

Nel 1999, Wim Wenders dirige un documentario sull'intera vicenda della produzione e sui membri dell'orchestra, anch'esso intitolato Buena Vista Social Club.

Il club

Il club era attivo fin dal 1932 e aveva raggiunto con il tempo una tale notorietà che diversi celebri cubani gli avevano dedicato canzoni: così Arsenio Rodríguez con Buena Vista en guaguancó e Israel "Cachao" López con Club Social Buena Vista.

Prima del 1959, esistevano a Cuba diverse società, spesso legate alle differenti etnie: quella nera, quella spagnola, quella cinese e altre ancora. Per quanto riguarda la prima di queste, le più famose furono la Unión Fraternal, Las Águilas, Marianao Social, Atenas, Antillas, Isora, Jóvenes del vals e, infine, il Club Social Buena Vista, che prendeva il nome da Buena Vista, quartiere dell'Avana.

Quando nel 1939 si inaugura la sala che poi diverrà il Tropicana, distante un chilometro dalla sede del Buena Vista, questo si trasferisce nell'antico quartiere Alturas de almendares. Il club, oltre a fornire servizi tipici di un'associazione (come lezioni di cucito per le adolescenti), concentrava i suoi sforzi nell'organizzazione delle sale da ballo: orchestre di varia estrazione accompagnavano i balli della tradizione cubana. La strada su cui affacciava l'ingresso del club si riempiva di appassionati, spesso bianchi color latte cui era negato l'ingresso.

Il Club nel 1959 fu vittima anche dell'ondata riformatrice dei primi anni della rivoluzione, con il primo presidente della Cuba rivoluzionaria, il cristiano-sociale Manuel Urrutia Lleó, e ritenuto un luogo di decadenza, così come molti altri clubs e ritrovi, anche ambigui, della dittatura. La successiva svolta comunista del governo, con leader Castro, ebbe come indirizzo l'abolizione dei club riservati a singole etnie o gruppi di sodali a favore dell'apertura di centri di socializzazione privi di discriminazioni sociali o etniche, cosa che ne decretò la chiusura definitiva nel 1962.

Con la campagna del 1968 ( "medidas especiales", misure speciali) che volle dare un'accelerazione in tal senso, la musica popolare, ritenuta poco consona al "socialismo reale" di quegli anni, passò in second'ordine rischiando di perdere molti artisti per emigrazione o perdita di visibilità.

Il disco

Memore di questa antica gloria quasi dimenticata, Juan de Marcos González, direttore del gruppo Sierra Maestra, decide di mettere insieme un'orchestra che riunisca la storia e gli elementi più brillanti del son e del resto della musica tradizionale cubana, la Afro-Cuban All Stars. Nel 1995, González viaggia a Londra, al fine di promuovere il disco Dundumbanza. Ne parla con Nick Gold, presidente della World Circuit Records: la proposta è quella di produrre un disco con un ven tú (una selezione di all stars della vecchia guardia), allo scopo di riunire alcuni musicisti affermati ma un po' dimenticati e riscattare il genere delle big band di jazz afrolatino. Gold abbraccia l'idea: la Afro Cuban All Stars mette insieme Compay Segundo, Ibrahim Ferrer, Manuel "Puntillita" Licea, José Antonio (Maceo), Pío Leyva, Raúl Planas, oltre a musicisti della stazza di Manuel "Guajiro" Mirabal, Javier Zalba, Orlando López (Cachaíto), Rubén González, Miguel Angá. Solo nel 1996 vengono pubblicati tre dischi, tra cui Buena Vista Social Club e A toda Cuba le gusta. Il primo vince il Grammy del 1998, nella categoria della musica tradizionale oltre ad essere un enorme successo di pubblico.

Ry Cooder

Nel 1996, Cooder era stato invitato da Gold a registrare una session con due anziani musicisti del Mali che avrebbero dovuto collaborare con alcuni musicisti cubani. All'arrivo di Cooder a Cuba (via Messico, al fine di evitare l'embargo statunitense contro Cuba), viene a sapere che i due musicisti del Mali, non avendo ottenuto i visti, non erano stati in grado di raggiungere Cuba. Cooder e Gold cambiano i loro piani e decidono di registrare un album di son cubano con musicisti locali. Nel progetto, vengono coinvolti tutti i musicisti che dovevano entrare a far parte del precedente progetto abortito.

Il film

Poco dopo esser tornato da Cuba e aver registrato il disco Buena Vista Social Club, Cooder inizia a lavorare con Wenders alla colonna sonora di Crimini invisibili, terza collaborazione tra i due artisti. Per quanto Wenders non conoscesse per niente la musica cubana, si entusiasma ascoltando le registrazioni che Cooder gli fa ascoltare e acconsente a viaggiare fino all'Avana per filmare il primo disco solista di Ibrahim Ferrer, Buena Vista Social Club Presents: Ibrahim Ferrer (1998).

Wenders filma le session, sfruttando il format Digital Video, recentemente sviluppato, avvalendosi dell'aiuto di Robert Müller, suo collaboratore di lungo corso. Ne approfitta per intervistare alcuni membri dell'ensemble e non perde l'occasione di registrare il gruppo in una famosa performance ad Amsterdam, la prima con l'intero line-up (1999) e un secondo concerto alla Carnegie Hall di New York. È il 7 settembre del 1999 quando esce il film-documentario Buena Vista Social Club. Il film è anch'esso un successo strepitoso, incassando in tutto il mondo 23.002.182 dollari.

Membri dell'Afro Cuban All Stars

Juan de Marcos González - percussioni
Ibrahim Ferrer - voce
Rubén González - piano
Compay Segundo - chitarra, voce
Ry Cooder - chitarra elettrica
Idania Valdés - voce
Pío Leyva - voce
Manuel "Puntillita" Licea - voce
Orlando "Cachaíto" López - contrabbasso
Manuel "Guajiro" Mirabal - tromba
Eliades Ochoa - chitarra, voce
Omara Portuondo - voce
Barbarito Torres - laud
Amadito Valdés - timbales
Nick Gold - produttore per la World Circuit Records

Buena Vista Social Club è un album di Ry Cooder con musicisti cubani, pubblicato dalla World Circuit Records nel 1997.

Tracce


Chan Chan – 4:18 (Francisco Repilado)
De camino a la vereda – 5:03 (Ibrahim Ferrer)
El cuarto de tula – 7:25 (Sergio Siaba)
Pueblo nuevo – 6:06 (Israel López)
Dos gardenias – 3:04 (Isolina Carillo)
¿Y tú qué has hecho? – 3:15 (Eusebio Delfin)
Veinte Años – 3:31 (Maria Teresa Vera)
El carretero – 3:30 (Guillermo Portabales)
Candela – 5:29 (Faustino Oramas)
Amor de loca juventud – 3:23 (Rafael Ortiz)
Orgullecida – 3:19 (Eliseo Silveira)
Murmullo – 3:51 (Electo Rosell Chepin)
Buena Vista Social Club – 4:52 (Israel López)
La bayamesa – 2:54 (Sindo Garay)
Musicisti[modifica | modifica wikitesto]
Ry Cooder - chitarra (brani: 1,2,3,4,5,6,7,8,9,10,11,12 & 13)
Eliades Ochoa - chitarra (brani: 1,3,8 & 9) e voce (brani: 1,3,8,9 & 11)
Compay Segundo - chitarra (brani: 2,6,7,10,11 & 12), voce (brani: 1,6,7,10,11 & 14) e congas (brano: 1)
Luis Barzaga - voce (brani: 2,3 & 9)
Mañuel "Puntillita" Licea - voce (brani: 2,3,9 & 14) e congas (brano: 13)
Omara Portuondo - voce (brano: 7)
Benito Suarez Magana - chitarra (brano: 10)
Rubén González - pianoforte (brani: 4,5,6,11,12,13 & 14)
Mañuel "Guajiro" Mirabal - tromba (brani: 1,2,3,4,5,6,9 & 11)
Orlando "Cachaito" López - basso (brani: 1,2,3,4,5,6,7,8,9,11,12,13 & 14)
Salvador Repilado Labrada - basso (brano: 10)
Joachim Cooder - batteria, percussioni (brani: 1,2,3,4,5,6,7,9,10,11,12 & 13)
Carlos González - bongos (brani: 1,3 & 9)
Ibrahim Ferrer - congas (brani: 4,6,10 & 13)
Lázaro Villa - guiro (brani: 4,5,12 & 13)
Juan de Marcos González - guiro (brano: 8)
Barbarito Torres - laoud (brani: 2,3,7 & 11)
Alberto "Virgilio" Valdés - maracas (brani: 1,2,3,4,5,6,7,8,9,12 & 13)
Julienne Oviedo Sanchez - timbales (brano: 3)

[url=https://it.wikipedia.org/wiki/Buena_Vista_Social_Club_(album)]https://it.wikipedia.org/wiki/Buena_Vista_Social_Club_(album)[/url]

Buena Vista Social Club è un film documentario del 1999 diretto da Wim Wenders.

Musicisti (in ordine di apparizione)

Francisco Repilado, noto come Compay Segundo (voce e tres)
Eliades Ochoa (voce e chitarra)
Ry Cooder (chitarra slide)
Joachim Cooder, suo figlio (percussioni)
Ibrahim Ferrer (voce, congas, claves, bongo)
Omara Portuondo (voce)
Rubén González (piano)
Orlando "Cachaíto" López (contrabbasso)
Amadito Valdés
Manuel "Guajiro" Mirabal (tromba)
Barbarito Torres (laud)
Pío Leyva
Manuel "Puntillita" Licea (voce)
Juan de Marcos González (güiro)
Canzoni del film (in ordine di apparizione)[modifica | modifica wikitesto]
"Chan Chan" (Francisco Repilado)
"Silencio" (Rafael Hernández)
"Chattanooga Choo Choo" (Harry Warren e Mack Gordon)
"Dos Gardenias" (Isolina Carillo)
"Veinte Años" (María Teresa Vera)
"Y Tu Que Has Hecho" (Eusebio Delfín)
"Black Bottom" (Ray Henderson, Lew Brown e B. G. De Sylva)
"Canto Siboney" (Ernesto Lecuona)
"El Carretero" (Guillermito Portulez)
"Cienfuegos (tiene su guaguanco)" (Victor Lay)
"Begin The Beguine" (Cole Porter)
"Buena Vista Social Club" (Orestes López)
"Mandinga" (noto come "Bilongo", Guillermo Rodríguez Fiffe)
"Candela" (Faustino Oramas)
"Chanchullo" (Israel "Cachao" Lopez, il padre di Cachaito)
"El cuarto de Tula" (son/descarga, Sergo Siaba)
"Guateque Campesino" (Celia Romeo "Guateque")
"Nuestra Ultima Cita" (Forero Esther)
"Quizás, Quizás, Quizás" (boléro di Oswaldo Farres)

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
(film)

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!

_________________
Una morbida nuvolotta.... di zucchero filato alla fragola e limone
Profilo Messaggio privato HomePage
 
 MessaggioInviato: Ven Gen 13, 05:54:53 Adv
Messaggio
  Adv









Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum » Storm and Moon Radio

Pagina 1 di 1
Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora

Mostra prima i messaggi di:

  

Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum


Agire


Amici...di... topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2009
Macinscott 2 by Scott Stubblefield