Back to the index page  
  FAQ   Cerca   Lista degli utenti   Gruppi utenti   Calendario   Registrati   Pannello Utente   Messaggi Privati   Login 
  »Portale  »Blog  »Album  »Guestbook  »FlashChat  »Statistiche  »Links
 »Downloads  »Commenti karma  »TopList  »Topics recenti  »Vota Forum

POESIE CONTRO LA MAFIA
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno


 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Circuito No Excuse -> Sogni di legalità
  PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
 
 MessaggioInviato: Gio Dic 08, 16:25:01  POESIE CONTRO LA MAFIA
Descrizione:
Rispondi citando
Messaggio
  nuvolotta

Site Admin


Admin

Sesso: Sesso:Femmina
Età: 58
Registrato: 01/12/05 18:04
Messaggi: 37815
nuvolotta is offline 




Sito web: http://www.nuvolotta.a...


NULL

POESIE
SU
PEPPINO IMPASTATO



Pepe Impastato

(ti hanno lasciato venti anni fa tra Palermo e Trapani,
ed io ti scopro oggi alla Avana)

Tu sei stato li' vicino
Pure se solo adesso ti scopro
Forse a cento passi,
ma cento passi a sinistra
Conti uno, due , tre, quattro,
Siamo gia più di cento volte cento che ti sentiamo

Tra Cuba e Sicilia mi confondo
Non so se cercarti vicino al mare ,
nel verde della nostra campagna
oppure nella nostra grandiosa Piazza della Rivoluzione
Si!!!
Ti ho gia visto in America
Ti ho gia visto nella storia del mio paese
Ti ho gia visto nella guerriglia del "Che"

Ci sei tu e c'e' pure il mare che ci legga
Sei la sabbia che ci segna la strada,
le onde che ci battono il cuore
Ci sei tu e c'e' anche tua madre
Ce la hai lasciata, nostra madre
Ed e' qui vicina a leggerci Pasolini
anche con la testa in alto e a sinistra

Ancora ti aspettiamo per definire
il centro della tua storia
Il segreto che non hanno distrutto sui binari
E che si e' piuttosto disperso in cento pezzi
Tra radio, aeroporti, piazze, comizi, spiagge
La bellezza.

Ariel Basulto Perdomo L'Avana, 12/2000











Peppino ti ricordi quando

mi hai aiutato a fare
la trasmissione su Fausto e Iaio
tu sapevi usare sempre le parole giuste
per ricordare che il potere
ha già fatto molti morti.
Hai pure voluto ricordare l'anniversario
di Pinelli, di Sacco e Vanzetti
hai sempre pensato a Francesco
a Walter, a Giorgiana, a Mauro
e a tutti gli altri compagni
morti di Stato.
Ora ti aspetto per pensare
anche a te
perchè non è vero che sei vivo
ma siamo noi che moriamo
sempre più dopo le vostre morti.

Guido (maggio 1978)

Oggi hanno deciso
che sei stato ucciso.
Per tre mesi
ti hanno trattato
da terrorista,
suicida
per i più generosi. Oggi
ero quasi allegro,
soddisfazione amara
saperti accettato
morto ammazzato.

Pino Manzella (09.11.78)








Se un giorno potessi distruggere la mente,
lasciare il mio corpo avanzare da solo,
potrei solo allora trovare il momento di dire a me stesso
"Quel giorno è arrivato, si chiama impazzire".

Che nome bizzarro ho scelto stasera
per dare colore all'ultimo giorno passato con voi.
Non penso al presente, mi resta un ricordoche vive nel sogno,
un giorno di sogni che lascian pensare a storie passate,
a lunghe giornate lasciate appassire per poi ritornare
in altri futuri più giovani e belli.

Ricordo o esperienza, è un grosso dilemma
che vive ogni giorno schermando il futuro.
Son solo parole che accecano e fuggono
e lascian pensare da soli o col vento,
la storia di un uomo dal largo sorriso,
di un fiore reciso e non accettare che tutto è finito.

Giosuè Maniaci




A te caro amico

Non cedo alla morte di un mondo che cadde sulla tua vita
spezzandone il sogno.
Il silenzio per sempre tace, il sussurro non torna,
il tuo volto non increspa il ricordo
di una libera strada colorata di gente.
Eppure ci sei, col tuo sorriso,
davanti a una morte che non t'appartiene.
Dilaniarti, triste modo per restare con noi,
come fiore assetato di rugiada.

Ninello Passalacqua





Un c'è cchiù nienti

Un c'è cchiu nienti. Un c'è cchiù nienti, mancu u suli c'è cchiù,
mancu a luna, mancu u mari, mancu a tierra. Un c'è cchiù nienti,
i gienti unni su? Semu tutti suli. Ognuno si talia e un voli viriri
cchiù a nuddu, un voli sientiri cchiù nienti, lastimi, lamienti.
Un c'è cchiù nienti, mancu nuatri ci siemu cchiù, e chi n'arriesta?
Un'arriesta cchiù nienti. E allora chi c'è di fari? Picchì amu a ncuitari, chi mpurtanza avi? Puru si gghiecchi vuci
chi mpurtanza avi? E allura chi amu a fari, si un c'è cchiù nienti
i fari? Un c'è mancu a tierra, un c'è cchiù nuddu, pure amuri finiu.
Un c'è cchiù nienti, un'arristò cchiù nienti. Chi a fari?
Chi vuoi fari si un puoi mancu parrari? Sulu na cuosa:
fuorsi nnì putiemu ammazzari. Chistu sulu n'arriesta
ri sta vita nca a ficiru addivintari na mmierda.

Gaspare Cucinella

Peppinu Impastatu fu ammazzatu ri la mafia p'aviri dinunziatu li dilitti di contrabbannu,
di droga e di armi di Tanu Badalamenti, mafiusu
putenti e protettu di lu statu, patruni d'ammazzari,
mfami prigiuricatu, Don Tano ricunusciutu, ri tutti rispettatu e cchiù chi mai timutu pi lu crimini pirpitratu,
p'aviri fattu satari nall'aria Pippinu nostru,
bannera ri Democrazia Proletaria.
Fu na pugnalata nna lu pettu a li piciotti digni di rispettu, a li picciotti ca vonnu grirari la rabbia
pi un putiri travagghiari.
Pippinu, vucca di verità, vucca d'innucenza, rapprisienta a simienza ri sta terra senza spiranza.
Grirava a tutti ri pigghiari cuscienza a la radiu,
a la chiazza, nta li strati, pi li piciotti era comu un frati.
Vuleva fari la rivoluzioni pi dimustrari a la pupulazioni nca nun s'accansa nenti cu li scanti.
Quarcunu lu capiu, tanti autri no.
Nna lu silenziu fattu ri duluri chiovino garofani rossi
comu li lacrimi di chiddu chi arristamu, ncapu li resti di
Pippinu massacratu. Picchì...sti delitti?

Gaspare Cucinella

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!




PEPPINO


Il sacrificio
E' trascorso un anno...
le tue carni straziate, i brandelli del tuo povero corpo martoriato sparsi sulla terra, fra l'erba, i rovi...
Ho innanzi agli occhi l'espressione dei tuoi carnefici, gli occhi torvi, bestiali, striati di sangue, del piccolo branco di iene sozze e immonde che, prima che ti sbranassero, han voluto saziare l'odio con sberleffi, con sevizie,
con torture crudeli.
Li vedo questi occhi assassini e mi fanno ribrezzo.

un anno... e mi domando angosciato: "Saresti contento se potessi assistere alla commemorazione del tuo sacrificio?
Che ne penseresti, Peppino? ti accontenteresti degli slogans? Parole...e la tua lotta non era fatta solo di parole, ma si concretizzava nell'azione giornaliera.
Forse pensavi che altri, tra i tuoi compagni, avrebbero avuto il coraggio di raccogliere la bandiera che ti era sfuggita dalle mani rattrappite...

Peppino, carissimo compagno, la lotta non va affrontata con la fiducia, l'entusiasmo, l'inesperienza e il coraggio dell'individuo. No, non è il nostro ring del boxeur! L'uomo è solo contro una società corrotta, contro uno stato in sfacelo, e perciò più pericoloso, contro un governo che di questi ed altri tipi di sciacalli, di lupi e di iene si serve, per difendersi dagli uomini che come te, insidiano il potere.

E' il governo che va battuto,
E' contro questo governo che si deve lottare,
E' con le forze del lavoro, del popolo onesto, dei giovani puri e generosi, delle madri, delle spose, delle sorelle, che bisogna allearsi per sconfiggere e mettere alla gogna chi in tanti anni ci ha inflitto le più turpi vergogne, i delitti più efferati, le rinunzie più gravi, le ingiustizie più evidenti,
le infamie più tragiche.

Onore a te, Peppino, che con la vita hai pagato
una nobilissima illusione.

Stefano Venuti, 9 maggio 1979










Da quando sei lì sotto la terra, non dormi, compagno Peppino.
Il tuo spirito vede nascere la primavera su nuovi volti
nel sole mediterraneo.
Forte radica di speranza cresce dalla terra impregnata del tuo corpo.
Il tuo sonno sveglia le coscienze.
Chi ha strappato i tuoi petali non fermerà la corsa di chi crede,
e correremo avanti, dietro bandiere rosse corteggiate dallo scirocco africano.
Si correrà sempre avanti contro la paura, gridando il tuo nome.
Si correrà sempre avanti per rincorrere la vita.

Giovanni Riccobono

Dove un gruppo di uomini liberi si unisce,
tu sei presente,
dove la bandiera illumina il sangue dei morti
tu ci sei,
tra confronti e scollamenti
il tuo volto si riconosce,
la tua voce rinasce,
quasi un urlo di libertà
che scuote le coscienze.

Giovanni Riccobono


Se è vero che la morte non è morte
Se è vero che "dopo" si torna ancora per completare una vita che va oltre il tempo e la morte
Se questa non è solo una fantasia orientale
Se questo vale anche per noi,
Se è vero...
può darsi che tu ora ci sei!
Non avevi fame d'amore?
Non avevi bisogno di carezze e d'attenzioni
e di baci pure tu?
E se un frammento di te ora vive nei miei figli...
qualcuno dei miei baci è per te!
Ne sono felice.

Ettore

A Peppino

Tu,
come tanti compagni,
tu
come noi,
tu
che hai pagato con la vita,
tu
che non sarai dimenticato,
tu
che ci hai riempito gli occhi
di lacrime e di rabbia,
a Te io dico,
nulla resterà impunito.

Anonimo



Un c'è cchiù nienti

Un c'è cchiu nienti. Un c'è cchiù nienti, mancu u suli c'è cchiù,
mancu a luna, mancu u mari, mancu a tierra. Un c'è cchiù nienti,
i gienti unni su? Semu tutti suli. Ognuno si talia e un voli viriri
cchiù a nuddu, un voli sientiri cchiù nienti, lastimi, lamienti.
Un c'è cchiù nienti, mancu nuatri ci siemu cchiù, e chi n'arriesta?
Un'arriesta cchiù nienti. E allora chi c'è di fari? Picchì amu a ncuitari, chi mpurtanza avi? Puru si gghiecchi vuci
chi mpurtanza avi? E allura chi amu a fari, si un c'è cchiù nienti
i fari? Un c'è mancu a tierra, un c'è cchiù nuddu, pure amuri finiu.
Un c'è cchiù nienti, un'arristò cchiù nienti. Chi a fari?
Chi vuoi fari si un puoi mancu parrari? Sulu na cuosa:
fuorsi nnì putiemu ammazzari. Chistu sulu n'arriesta
ri sta vita nca a ficiru addivintari na mmierda.

Gaspare Cucinella

Peppinu Impastatu fu ammazzatu ri la mafia p'aviri dinunziatu li dilitti di contrabbannu,
di droga e di armi di Tanu Badalamenti, mafiusu
putenti e protettu di lu statu, patruni d'ammazzari,
mfami prigiuricatu, Don Tano ricunusciutu, ri tutti rispettatu e cchiù chi mai timutu pi lu crimini pirpitratu,
p'aviri fattu satari nall'aria Pippinu nostru,
bannera ri Democrazia Proletaria.
Fu na pugnalata nna lu pettu a li piciotti digni di rispettu, a li picciotti ca vonnu grirari la rabbia
pi un putiri travagghiari.
Pippinu, vucca di verità, vucca d'innucenza, rapprisienta a simienza ri sta terra senza spiranza.
Grirava a tutti ri pigghiari cuscienza a la radiu,
a la chiazza, nta li strati, pi li piciotti era comu un frati.
Vuleva fari la rivoluzioni pi dimustrari a la pupulazioni nca nun s'accansa nenti cu li scanti.
Quarcunu lu capiu, tanti autri no.
Nna lu silenziu fattu ri duluri chiovino garofani rossi
comu li lacrimi di chiddu chi arristamu, ncapu li resti di
Pippinu massacratu. Picchì...sti delitti?

Gaspare Cucinella



PEPPINO

Hai vissuto un tempo
lontano dal mio tempo,
hai lottato in una terra
lontana dalla mia terra.
Eppure mi sei stato così vicino, in certi momenti
che quasi mi pare di averti conosciuto.
Di sicuro, ti ho cercato dentro a certi libri
che parlano d'amore e di sogni fatti da svegli,
quei libri che ti fanno chiudere gli occhi
e che ti dicono -lascia che sia il tuo cuore a trasportarti-.

Fino a poco tempo fa, non sapevo neanche chi fossi
e non so quanto mi spetti scrivere per te:
me lo ha gridato il cinema quel "frastuono assordante
dove non si può volere, né pensare"
e poi mi è capitato, di amare la tua terra infuocata e la tua gente schietta.

Però, nei giardini di limoni mi è sembrato di sentire
le voci dei morti ammazzati
e ho sognato di notte quella tua ultima ferrovia
e quel guard-rail rosso scarlatto sulla strada per Capaci.

E in quello stesso sogno, ho sentito "un mare di gente nelle piazze,
con il loro gran vociare
che gela il sangue".
Quel vociare,
ti chiamava per nome.

Francesco Lucaroni settembre 2001



POESIE
SU
PEPPINO



Amicu di la storia mia
Fruttu di terra e di mari,
amicu di la storia mia,
ogni ghiornu chi vulava
e vulannu 'un ti sintia,
ora ti trovu cca comu n'acidduzzu squagghiatu,
tu eri la fauci chi mitia
e tu eri puru l'aratru.
Nun chianci più,
ma gridi ancora,
nun parri cchiù,
ma riri ancora.
Pisanti su li nostri iorna,
vacanti sunnu li pinseri e sabttinu nall'aria,
si fannu cchiù pisanti.
La sira è sulu di li cani,
cu l'occhi mancianu i cristiani, vulari io vurria,
scappari luntanu di cca.

Filippo Grillo
(il testo è stato musicato dallo stesso Filippo Grillo ed eseguito dal Collettivo Musicale Peppino Impastato)





Ricordo quando Peppino fu ucciso,
quando il suo corpo straziato
fu ritrovato tra le zabare
e la sua memoria tradita
da colpe inventate.
Rivedo giovani stralunati
scendere ad una piccola stazione.
Era di maggio
e le buganvilee prorompevano dai vecchi muri
con i loro fiori accesi.
Quando Peppino ritornò a casa,
chiuso in una cassetta di legno,
sua madre e suo fratello l'aspettavano,
lei dignitosa e sola,
lui giovane e smarrito,
tutti e due vestiti di nero,
dritti davanti alla porta lo accolsero col pugno chiuso,
e mille pugni si protesero in alto,
come a volerlo coprire:
le lacrime allagarono mille occhi increduli,
mille gambe si avviarono
tra le persiane sbarrate del corso di Cinisi.
E da una bocca si levò un canto di lotta
e altre mille lo accolsero,
e l'aria cupa si riempì d'armonia
e l'amore prese il posto della rabbia
e arrivò sino a lui per fargli scordare il dolore.
Infine al cimitero,
quando il vecchio compagno intonò l'Internazionale
per un attimo fu solo silenzio.
Poi ognuno rese omaggio a un morto dimenticato:
il Partito.

Graziella Catalano

Una notte tra l'8 e il 9 maggio un giovane pieno di coraggio è ucciso da conoscenti o forse anche da parenti.
Una morte tragica in un paesino pieno d'indifferenza ma con tanta prepotenza.
Giuseppe Impastato sei stato ammzzato perchè volevi fermare quei mafiosi che nel tuo paese non erano pochi.
Ma tu nutrivi la speranza di uno stato pulito.
E tihanno ucciso, però non tutto è finito....

Talluto Rossella
1993 Scuola Media. Cinisi



Ti martoriarono, ti sfracellarono.
La tua voce, che per tanto tempo ha parlato,
tace per sempre, ma nel nostro cuore è rimasta,
e parla, continua a parlare,
fin quando i siciliani non capiranno.
Tante volte ti hanno ucciso, non una volta.
Peppino, ciò che tu hai fatto ci ha fatto capire
che da solo hai sconfitto una piccola mafia,
che da solo hai fatto tanto.
Tutto quello che noi non avremmo potuto.
E adesso ti salutiamo per non vederti mai più.
Allora addio, Peppino
e sappi che la tua lotta continua dentro di noi.


Celestina La Femina
1993 Scuola media. Cinisi

'U chiantu di dù matri

Sta sira avanti a mia
'na vecchia ca si chiama storia
chianci scunsulata pirchì l'anni passaru senza lassari signi di vittoria e rasti supra a terra.

Mi dici ca ddi picciotti ca luttavanu cu idda
e ci currianu appressu c'a spiranza nt'all'occhi,
ora sunnu nn'a panza d'a terra, vurricati.
Mi fici du 'nnomi, unu chiù granni e n'autru nicu,
ca patri e figghiu essiri putianu ed àppiru a stissa sorti.

Mi dici 'ca 'nto '55 Turiddu Carrnivali jissava a vuci contru
i nnimici d'i poviri, ma 'na matina, 'nna trazzera,
i mafiusi ci spararu nn'a facci:
cadiu a buccuni, chi vrazza aperti
comu pi vasari e abbrazzari dda terra
ca u vitti nasciri sulu e puvirieddu.

Mi dici:
Pippinu Impastato
di Cinisi,
dicia 'nte chiazzi:
pi jiri avanti iuncemu vrazza, manu e cori,
dicemulu 'u nomi d'assassini ca 'mpastanu a terra
c'u sangu d'i travagghiatura.

E continua a vecchia:
'na matina d'u 78 'u truvaru nn'a linia d'a ferrovia
a pezzi e muddichi comu siddu u trenu
passannu dda notti l'avissi macinatu.
U trenu nun era trenu:
era bumma a tritolu di mafiusi
scattata nn'a panza di Pippinu
pi odiu e pi vinnitta.

L'occhi, sulu l'occhi eranu vivi,
circavanu a Cristu 'ncelu e ci addumannavanupietati.
Pietati pi mia, vecchia sempre a luttu,
ed iu sugnu cca a mmalidiri li mafiusi barbari,
ca nun vulianu e nun vonnu ca li picciotti
luttanu pi 'na Sicilia libbira,
unni 'a terra ngrassari si putissi cu l'onestà
e no cu u sangu limpidu di li 'nnucenti
'mputenti contru l'omertà.

E chianci 'a veccchia!
Chianci, chianci.
E a stu chiantu, comu marusu 'ntimpesta,
'u chiantu di du matri:
Chi sira! Chi sira!

Sara Favaro



Sono un autonomo che non accetta la logica di questo stato e dei suoi partiti.
Arrestatemi.

Sono un professore di filosofia, quindi un ideologo pericoloso a sè e agli altri.
Arrestatemi.

Sono un redattore, molti dicono direttore, di Radio Aut:Aut = Autonomia.
Arrestatemi.

Sono stato amico di Peppino Impastato, morto nello stesso giorno di Moro:
c'è una connessione col caso.
Arrestatemi.

Ci riuniamo in più di cinque per organizzare la lotta contro la mafia, parte integrante dello stato. Associazione sovversiva.
Arrestatemi.

Insegno che la liberazione dell'uomo passa attraverso la distruzione dell'autorità: istigazione a delinquere.
Arrestatemi.

Definisco la Resistenza inserruzione armata contro lo stato fascista legalizzato: La Resistenza continua.
Arrestatemi.

La distruzione del capitalismo passa attraverso il sabotaggio e la riappropriazione dei mezzi di produzione.
Arrestatemi.

Proclamo ufficialmente che questo stato è mafioso, corrotto, criminale:
oltraggio alle istituzioni.
Arrestatemi

Salvo Vitale
1971
_________________
Una morbida nuvolotta.... di zucchero filato alla fragola e limone
Profilo Messaggio privato HomePage
 
 MessaggioInviato: Gio Dic 08, 16:25:01 Adv
Messaggio
  Adv









Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum » Sogni di legalità

Pagina 1 di 1
Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora

Mostra prima i messaggi di:

  

Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Puoi segnalare post ai moderatori in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum


Agire


Amici...di... topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2009
Macinscott 2 by Scott Stubblefield